Le piante carnivore compongono il loro menù di insetti grazie ai profumi che emanano

Le piante carnivore compongono il loro menù di insetti grazie ai profumi che emanano

Le piante carnivore hanno sviluppato la capacità di nutrirsi di insetti per compensare il suolo povero in cui vivono e per ottenere l’apporto di azoto necessario alla loro vita. Quelle che ci interessano oggi sono le piante carnivore. Cresce nelle paludi umide del Nord America.

Piante carnivore che compongono il loro menù insettivoro

Le sue foglie formano quella che viene chiamata un’urna, un ricettacolo in cui gli insetti sciamano e poi rimangono intrappolati. Ma sorge la domanda: queste piante attirano attivamente o passivamente la loro preda? In altre parole, l’insetto vi atterra a caso, perché è nei paraggi o è attratto da qualcosa?

Per rispondere a questa domanda, questi scienziati si sono concentrati sui profumi emessi da diversi membri di questa famiglia, tutti collocati nello stesso ambiente, quindi gli stessi insetti volano intorno a loro. Ogni giorno confrontavano gli odori raccolti con una specie di aspirapolvere con le prede di cui si nutrivano.

Di conseguenza, queste piante carnivore non catturano indiscriminatamente gli insetti, ma piuttosto li attirano. Ma non è tutto, modificano gli odori che emettono per catturare diversi tipi di prede, a volte formiche, a volte impollinatori.

Intervista a Laurence Gaume-Vial, Ricercatore del CNRS presso il laboratorio AMAP di Montpellier e coautore di questo lavoro pubblicato in

Più uno.

Scienza, QQFD


58 minuti

Neanderthal ci ha dato il suo naso

Sappiamo che i Neanderthal e i Sapiens si sono affiancati per millenni, incontri fruttuosi, il che significa che i Neanderthal ci hanno trasmesso alcuni dei loro geni. Nel tentativo di comprendere l’impatto di questa trasmissione, è stato pubblicato uno studio su

Biologia della comunicazione Ha raccolto 6.000 volontari dall’America Latina. I volontari provengono da una varietà di background, ad esempio europei, americani o africani.

Confrontando i loro dati genetici con le loro foto, gli scienziati hanno identificato 33 regioni del genoma associate alle forme del viso e una di queste regioni sembra provenire dai Neanderthal. Tutte le persone con questi geni hanno un naso lungo, largo e alto. Devi sapere che questo accessorio funge da filtro e regola la temperatura dell’aria che respiriamo. Secondo gli autori, questa forma del naso potrebbe essere il risultato della selezione naturale e potrebbe contemporaneamente essere un vantaggio per l’adattamento ai climi più freddi.

Nei paesi con alti tassi di disuguaglianza di genere, le differenze tra uomini e donne sono visibili nel cervello

Questa disuguaglianza ha conseguenze sulla vita delle donne, sia che si tratti di un rischio più elevato di sviluppare problemi di salute mentale o di risultati scolastici inferiori. In questo studio pubblicato sulla rivista

PNASGli scienziati hanno confrontato 8.000 scansioni MRI di uomini e donne provenienti da 29 paesi diversi. Paesi per i quali la disuguaglianza di genere è misurata da due diversi indicatori.

READ  Nuove incredibili immagini della superficie di Marte

Di conseguenza, lo spessore della corteccia nell’emisfero destro del cervello tende ad essere più sottile nelle donne provenienti da paesi con una maggiore disuguaglianza di genere. Questa è solo una correlazione, ovviamente, ma gli autori ipotizzano che questa differenza possa derivare dall’esposizione a un ambiente sfavorevole e allo stress durante la vita della donna.

L’efficacia degli antidepressivi nella lotta al dolore cronico è in discussione

Sono sempre più prescritti in questa indicazione, in particolare per evitare l’uso di oppioidi. L’idea è che questi psicotropi possano avere un effetto sedativo. Ma la meta-analisi

Cochrane Un sondaggio di 176 studi che hanno coinvolto 30.000 pazienti ha mostrato che quasi tutti i 25 antidepressivi studiati non hanno mostrato un’efficacia sufficiente nel trattamento del dolore. Solo uno ha un effetto indiscutibile, duloxetina, anche se gli autori notano una mancanza di dati sui suoi effetti collaterali a lungo termine.

Fai attenzione, ovviamente, che in nessun caso dovresti interrompere improvvisamente il trattamento se stai assumendo antidepressivi per questi motivi. Ma le conclusioni di questo lavoro sono coerenti con altri studi recenti, che possono richiedere una valutazione caso per caso della sua prescrizione.

Rivista scientifica


6 minuti

Grazie a Laurence Gaume-Vial per le sue preziose spiegazioni.

Per più…

Studio delle piante carnivore (più uno, in inglese)

READ  L'Olandese dovrebbe giocare nella posizione di ala secondo uno dei suoi allenatori

Studio del naso dei Neanderthal (Biologia della comunicazione, in inglese)

Uno studio sulla disuguaglianza di genere e lo spessore corticale (PNAS)

Uno studio sull’efficacia degli antidepressivi nella lotta al dolore cronico (Cochrane)

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *