Ha parzialmente riacquistato la vista grazie a un virus geneticamente modificato

Come può un virus geneticamente modificato ridare la vista ai ciechi? È questa prodezza medica che ce lo dice il mondo, Il primo scienziato grazie all’optogenetica, una combinazione intelligente di ingegneria genetica e realtà aumentata.

Perché è un’impresa. Il paziente ha perso la vista a causa del deterioramento delle cellule dei fotorecettori negli occhi. Ma le cellule nervose nel nervo ottico sono rimaste intatte. I ricercatori hanno quindi avuto l’idea di far ricevere la luce a questi stessi neuroni iniettando loro, attraverso un virus geneticamente modificato, un gene che codifica per una proteina sensibile alla luce derivata dalle alghe rosse.

Poiché la proteina è sensibile solo alla luce a una lunghezza d’onda specifica, un paio di occhiali per realtà aumentata completano il processo per tradurre le immagini che sta fotografando nella lunghezza d’onda corretta. Dopo tre mesi, il paziente può nuovamente distinguere i contorni degli oggetti di fronte a lui.

Quindi, è questa impresa che i ricercatori in particolare dell’Istituto di Oftalmologia Molecolare e Clinica di Basilea, pubblicata lunedì 24 maggio su Medicina della natura.

Link

Leggi le spiegazioni su il mondo

READ  Martin Aubry aveva ragione a preoccuparsi per la fornitura di vaccini

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *