L’Austria è ancora contraria all’adesione di Romania e Bulgaria allo spazio Schengen

L’Austria è ancora contraria all’adesione di Romania e Bulgaria allo spazio Schengen
Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Inglese

L’Austria resta fermamente contraria all’adesione di Romania e Bulgaria allo spazio Schengen. Vienna ritiene che la zona di libera circolazione delle persone debba essere “migliorata” prima di essere “ampliata”.

annuncio

L’Austria resta nella sua posizione. Vienna non ha intenzione di cambiare idea nell’immediato sull’espansione dell’area Schengen, la libera circolazione delle persone in Europa. Il tono è già fissato per la riunione dei ministri dell’Interno dell’UE di martedì a Bruxelles.

Schengen deve diventare migliore, non più grande. Non vedo ancora molti progressi, quindi non riesco a immaginare alcun cambiamento ora“, ha stimato Gerhard Karner, ministro degli Interni austriaco.

Secondo Gerhard Karner, Numero di posti di frontiera Ciò che i paesi europei hanno imposto negli ultimi mesi è una ragione sufficiente per impedire qualsiasi ulteriore espansione dell’area Schengen, che attualmente comprende 27 paesi, inclusi 23 Stati membri dell’UE, e oltre 423 milioni di cittadini.

Secondo la legge Schengen, i paesi possono attuare controlli temporanei alle frontiere come ultima risorsa, in circostanze eccezionali. Austria, Germania, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Italia e Danimarca hanno fatto appello a questa disposizione per far fronte al continuo aumento dei flussi migratori.

Nei primi dieci mesi dell’anno L’Unione Europea si è registrata Vicino 331mila attraversamenti irregolari delle frontiereLa Rotta del Mediterraneo Centrale rimane la rotta principale. Questi numeri rappresentano il livello più alto per lo stesso periodo dal 2015.

Gerhard Karner sostiene una posizione dura sull’immigrazione e discute La possibilità di concludere un accordo con un paese al di fuori dell’Unione Europea Esternalizzazione del trattamento delle domande di asilo.

READ  Alexander Bizardin: "Dobbiamo avere un approccio molto trasversale"

È fondamentale che la Commissione europea investa finalmente molto nella protezione delle frontiere esterne e adotti le misure necessarie per renderle più sicure“, conferma il ministro austriaco, perché “Questo è in definitiva ciò che consente al sistema Schengen di funzionare“.

Il mancato cambiamento della posizione austriaca ha costretto la Spagna, che detiene la presidenza di turno del Consiglio dell’Unione europea, a modificare l’ordine del giorno della 27esima riunione dei ministri degli Interni. La Spagna aveva precedentemente affermato che l’incontro del 5 dicembre avrebbe visto un voto vincolante sulle domande di adesione allo spazio Schengen per Romania e Bulgaria, entrate nell’Unione Europea nel 2007.

Ma dopo si sono resi conto che il voto era, per così dire, destinato al fallimento Il caso risale al dicembre dello scorso annoMadrid ha preferito preparare un “inventario” delle richieste comuni e della situazione generale in materia di libera circolazione delle persone.

Fernando Grande Marlaska, ministro degli Interni spagnolo, conferma che il suo Paese continuerà a lavorare”.molto difficile“Nell’oggetto”Fino alla fine della nostra presidenza“.

L’Europa più forte è quella in cui Romania e Bulgaria sono membri a pieno titolo dell’area Schengen“, ripete Fernando Grande Marlaska.

La sua controparte rumena, Marian Catalin Preduiu, ha rifiutato di commentare “Speculazioni“Su una votazione straordinaria entro la fine dell’anno, durante la quale l’Austria potrà astenersi dal dichiarare l’adesione. Lo aggiunge il funzionario rumeno”Discussioni intense“Con Vienna in corso per trovare una soluzione diplomatica.

Richiede l’ammissione di nuovi membri all’area Schengen Consenso. Tuttavia, l’Austria sembra indicare che non ha intenzione di modificare la propria posizione.

READ  La nuova strategia di azione esterna della Spagna

Anche i Paesi Bassi si oppongono all’adesione della Bulgaria per motivi di stato di diritto, ma il governo olandese appare leggermente più flessibile rispetto al veto dell’Austria. Tuttavia, i Paesi Bassi si trovano successivamente nel mezzo di una transizione politica La vittoria del mese scorso per il partito di estrema destra Scritto da Geert Wilders. La questione dell’immigrazione ha dominato le discussioni della campagna elettorale.

Una recente missione conoscitiva inviata in Bulgaria ha riportato i risultati”.Molto positivo“Per quanto riguarda la disponibilità del Paese ad aderire allo spazio senza passaporto, ricorda Ylva Johansson, la commissaria europea responsabile per gli affari interni.

Colgo l’occasione per parlarne (ai ministri). Colgo l’occasione per dire (ai ministri) quanto sono preparate la Romania e la Bulgaria ad aderire allo spazio SchengenLo ha spiegato martedì mattina, prima dell’incontro.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *