Il G7 critica l’Iran per il suo attacco a una petroliera

Venerdì 6 agosto 2021, i ministri degli Esteri del Gruppo dei Sette hanno denunciato l’attacco alla petroliera Mercer Street la scorsa settimana, accusando l’Iran di essere l’artefice. La déclaration a été signée par les ministres des Affaires étrangères du Canada, de la France, de l’Allemagne, de l’Italie, du Japon, du Royaume-Uni et des Etats-Unis, ainsi que par le haut représentant de l’ Unione Europea.

Ciò avviene mentre il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si riunisce a porte chiuse per discutere dell’attacco iraniano alla petroliera, che ha provocato l’uccisione di un cittadino britannico e di un cittadino rumeno. Gli osservatori affermano che la dichiarazione congiunta è una conquista diplomatica per Stati Uniti, Regno Unito e Israele, che negli ultimi giorni hanno cercato di formare la più grande coalizione possibile per condannare l’Iran e intensificare la pressione sul nuovo governo di Teheran.

Questo è un attacco deliberato e mirato e una flagrante violazione del diritto internazionale. Tutte le prove disponibili indicano chiaramente l’Iran. “Non c’è alcuna giustificazione per questo attacco”, si legge nella dichiarazione congiunta. I membri del G7 hanno anche sottolineato che le navi devono poter navigare liberamente e hanno affermato che continueranno a proteggere tutte le navi “in modo che possano operare liberamente e senza essere minacciate da azioni irresponsabili e violente”. La dichiarazione afferma che il G7 ricorda all’Iran di porre fine a tutte le attività che contravvengono alle pertinenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.


READ  Il Canada lancia un'iniziativa globale contro la detenzione arbitraria

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.