L’arresto di una donna iraniana che ha mangiato in un ristorante di Teheran senza velo

Sua sorella, venerdì, ha raccontato che una donna che ha pranzato senza velo in un ristorante di Teheran, e la sua foto è stata diffusa sui social, è stata arrestata, nel mezzo di un giro di vite in Iran contro il movimento di protesta nato dopo la morte di Mahsa Amini .

• Leggi anche: A Teheran, le donne sono orgogliose di trascinare gli uomini nelle strade

• Leggi anche: Non dopo la caduta del regime iraniano

• Leggi anche: Proteste: l’Iran attacca celebrità e giornalisti

La foto mostrava Donia Rad seduta in un ristorante a Teheran, apparentemente a fare colazione con la sua amica anche senza velo.

La foto è diventata virale sui social media, con diversi account che hanno elogiato le due donne per la loro disobbedienza civile al rigido codice di abbigliamento che la Repubblica Islamica impone alle donne.

Mahsa Amini è morta all’inizio di questo mese dopo che la sua squadra di galateo l’ha arrestata e l’ha accusata di non indossare correttamente l’hijab.

Sua sorella, Dina, ha scritto su Twitter: “Ieri, dopo aver pubblicato questa foto, i servizi di sicurezza hanno contattato mia sorella, Donia Rad, e le hanno chiesto spiegazioni”.

“Oggi, dopo che sono andato dove le è stato detto che era stata arrestata. Dopo alcune ore di silenzio, Dunya mi ha detto durante una breve telefonata che era stata trasferita nel reparto 209 della prigione di Evin”, riferendosi a un reparto della prigione di Evin . Teheran, che è considerata gestita dal Ministero dell’Intelligence.

“La nostra famiglia è molto preoccupata”, ha aggiunto.

Negli ultimi giorni, i media di lingua persiana al di fuori dell’Iran hanno mostrato immagini crescenti di disobbedienza civile, con donne in Iran che condividono immagini di se stesse che camminano, fanno commissioni o nei caffè senza velo.

READ  Biden è sotto pressione dalla sinistra per riformare la Corte Suprema

“Sono andati a fare colazione senza l’hijab. Sono stati arrestati. Questo è il modo brutale/contorto della politica dell’hijab in Iran”, ha commentato su Twitter il famoso attivista e giornalista Omid Memarian.

Sui social media, alcuni hanno paragonato le azioni di Radd a quelle di Rosa Parks, un’attivista nera americana per i diritti civili, mettendo insieme le foto di Parks su un autobus e Rad in un bar.

Gli attivisti affermano che l’Iran è nella morsa di una delle più violente repressioni degli ultimi anni per sedare le proteste scoppiate per l’uccisione di Mahsa Amini.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.