La serie di fumetti e fantascienza “Love, Death & Robots” è tornata – rts.ch

Netflix presenta tutti gli otto nuovi episodi della seconda stagione della spassosa e sanguinaria serie di fantascienza “Love, Death & Robots”. Una terza stagione di questo popolare film d’animazione con il pubblico svizzero è già prevista per il prossimo anno.

Netflix assicura che “Love, Death and Robots” è stato popolare tra il pubblico negli ultimi giorni. Così la scorsa settimana la serie animata era ancora al terzo posto in Svizzera.

“Love, Death and Robots” è un’antologia, un’antologia di brevi episodi che vanno dai 7 ai 18 minuti con una nuova squadra e un mondo specifico ogni volta, sia in termini di grafica che di storia.

La serie assomiglia anche per molti versi al “Black Mirror”, un modello nel suo genere. Solo che, oltre ad argomenti come gli eccessi dell’intelligenza artificiale o l’immortalità, ci sono anche fatti di spazio o di poesia, ad esempio nell’episodio intitolato “Sinking Giant”, direttamente ispirato all’omonimo racconto di James Ballard.

>> Per guardare il trailer della seconda stagione:

https://www.youtube.com/watch?v=/QDWdR9stczI

Fantascienza sanguinosa e stravagante

Che si tratti di questo gigantesco cadavere arenato per qualche motivo sulla spiaggia che la gente si arrampica, che si tratti di uno stravagante Babbo Natale, un gruppo di adolescenti geneticamente modificati che corrono con le balene su un pianeta ghiacciato o un aspirapolvere assassino, questi cortometraggi animati ci immergono nella Scienza la finzione altrove è strana e divertente.

Fondamentalmente, prima che il progetto fosse nato per questo anime, David Fincher (“Seven”, “Fight Club” o “House of Cards”) e il suo amico Tim Miller (“Deadpool”) volevano rifare “Metal Hurlant”, questo film animato opera spaziale del 2005. 1981 Ispirato da Elon Musk: Il film inizia sul piano spaziale di un astronauta seduto al volante di una decappottabile che vola sopra il suolo.

READ  Come sbarazzarsi dell'alluce valgo o dell'alluce valgo

“Metal Hurlant”, “Mad Max”, “Blade Runner” e “Il quinto elemento” hanno ispirato anche altri. Molti dei riferimenti che troviamo oggi sono nella serie Love, Death & Robots. Quindi c’è un cantante incomparabile nell’episodio “Intervention Group”, come in “The Fifth Element”. Solo che non è blu come nel film di Luke Besson, ma è immortale.

Overdose di tecnologia

Tuttavia, non tutto è così rosa nel meraviglioso mondo di questa seconda stagione di Love, Death and Robots. Inizialmente è il meno “pugno” della prima stagione. Quindi, l’overdose di tecnologia a volte mette il fondo e la data sullo sfondo. Assistiamo a scene semplici senza coda o testa che sembrano orfane dall’inizio alla fine. Infine, ci sono solo otto nuovi episodi in questa seconda antologia, e sono ridicolmente pochi.

Quindi dovremo aspettare fino al prossimo anno per vedere se la serie conferma o nega il suo status di imperativo della cultura pop, poiché la terza stagione del 2022 è già stata annunciata.

Antoine Droux / Ullhor

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *