La razza di anatre rurali sembra essere una sfida per l’influenza aviaria

Il vistoso anatroccolo, Kriaxera dal nome basco, pascola sull’erba. – Florence Latilade

  • Le sottospecie di anatre forti dei Paesi Baschi sono resistenti al virus dell’influenza aviaria.
  • È stato messo in atto un protocollo eccezionale per impedire almeno temporaneamente la loro macellazione.
  • Gli allevatori di queste razze sostengono l’allevamento all’aperto di razze autoctone, che vengono vendute in cortocircuito.

Mentre per diversi mesi Influenza aviaria Perire
Fattorie del sud-ovest, Sottospecie rurali di anatre basche, compresa la kriaxera, non lasciano piume lì. “A gennaio, le autorità hanno scoperto la presenza di
virus Abbiamo dichiarato la nostra casa ma non siamo mai svenuti “, conferma Florence L’atilade, condirettore dell’incubatoio Bedouz, l’unico che alleva razze rurali (Landes rouen e papera sgargiante, kriaxera nei Paesi Baschi). immune ad esso.

Rimandare, sperando di evitare il massacro

In tutti gli allevamenti, le regole per il controllo del virus sono l’abbattimento preventivo delle palme da dattero e lo spostamento della popolazione, ma all’inizio di marzo è stato stabilito un protocollo specifico per le anatre appariscenti. Il primo scenario considerato era quello di conservare le uova solo per salvare la razza e abbattere tutte le anatre. “Questo non risolve nulla. Avremo lo stesso problema con la prossima crisi degli uccelli”, stima Florence Latilad. La piega è stata infettata dal virus ma non si sono ammalati “.

Con il sostegno della Confederazione ELB Paysanne du Pays Basque, l’incubatoio ha firmato un nuovo protocollo che prevede una clausola di revisione. Dovrebbe essere consentito “rivalutare i metodi per la gestione del focolaio della malattia, entro e non oltre giugno e prima della data prevista per lo spostamento degli animali, per tenere conto dei nuovi pareri scientifici sullo stato di salute dell’incubatoio, e gli elementi forniti dal ministero dell’Agricoltura e dalla Commissione europea ”, ha scritto il Pyrénées-Atlantique nel suo comunicato stampa. L’incubatoio spera che questa disposizione consentirà di evitare la macellazione di questo prezioso pollame.

Le professioni comuni si preoccupano delle fattorie circostanti

“È una situazione eccezionale rispetto alle normative europee perché teniamo in piedi gli animali sieropositivi mentre la legge ne impone l’eliminazione”, ha commentato Marie-Pierre B, direttrice di Cifog, il Comitato professionale per il Foie Gras Palmipeds. È preoccupato per i rischi di estendere lo status “non libero” della Francia e le sue conseguenze per le esportazioni. “Devi capire che stanno mettendo in pericolo una ventina di allevamenti in un raggio di dieci chilometri, perché queste anatre espellono il virus”, aggiunge il direttore di Cifog.

Se vengono prese determinate decisioni, è perché rimangono pochi campioni di questi potenti ceppi. Secondo i dati dell’Aquitaine Breeds Conservatory, la popolazione di Kriaxera è di circa 600 allevatori. “Una ventina di allevatori sono coinvolti nella conservazione della kriaxera nelle fattorie che usano per il consumo familiare o per la vendita diretta (teglie)”, stima l’associazione.

Tra questi, Julen Perez, che alleva pacciami di Kriaxera a Lohitzun-Oyhercq (l’anatra che grida kriaxera e il maschio, Burberry) comprati dall’incubatoio Piedus, per fare il foie gras. “Siamo rimasti nella zona di osservazione, la nostra fattoria è a otto chilometri da casa”, spiega Julen Perez, “e fortunatamente non siamo tornati nella zona di evacuazione, si è fermata nel villaggio vicino”. Non sono stati osservati decessi “.

Un alleato nella lotta contro l’influenza aviaria?

“Tre studenti della scuola veterinaria di Tolosa sono venuti a prelevare campioni”, osserva Florence Latilade. È l’Agenzia nazionale per l’alimentazione, l’ambiente e la salute sul lavoro (ANSES) responsabile dal Ministero dell’Agricoltura per garantire la sorveglianza sanitaria. A questo punto, il segreto di queste potenti varietà non è noto. La specificità dei loro geni li protegge o il modello di allevamento in piccoli stormi e cortocircuiti funziona a loro favore? O i due?

Julen Perez ha i suoi pensieri su questo problema. Offrendo i suoi animali (2.500 anatre all’anno) per l’allevamento all’aperto su pascoli rotanti, questo allevatore è convinto di essere meglio equipaggiati per resistere ai virus. Ma è una razza a crescita lenta che non era preferita dai leader del settore negli anni ’70 e ’80, quando fiorì l’allevamento di anatre. “Devi aumentarlo per una media di quattro mesi, rispetto a due mesi e mezzo nell’istruzione industriale, è redditizio”, dice Florence Latilade. I miei clienti alimentano forzatamente tra 15 e 16 giorni e i produttori alimentano da 9 a 10 giorni “.

Non sono sicuro che il settore stia ancora cambiando un paradigma, mentre il confinamento totale delle anatre è previsto per combattere l’influenza aviaria e sta facendo oscillare i sostenitori dell’outdoor.

READ  A new astronomical cluster discovered by astronomers

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *