Il vaccino sembra ridurre significativamente il rischio di cancro cervicale

“Il nostro studio fornisce la prima prova diretta dell’effetto della vaccinazione contro il papillomavirus umano (HPV), tramite il vaccino bivalente Cervarix, sulla frequenza del cancro cervicale”, riassumono gli autori di questo lavoro pubblicato su The Lancet.

I tumori cervicali sono spesso il risultato di un’infezione a trasmissione sessuale con il virus del papilloma. Dalla metà degli anni 2000 sono disponibili vaccini contro di essa.

Una campagna tra gli adolescenti

Così tanti paesi hanno lanciato una campagna tra gli adolescenti, con l’idea di ricevere il vaccino prima di intraprendere un’attività sessuale. È il caso della Francia, che quest’anno l’ha allargata ai ragazzi, anche se il tasso di copertura resta ben al di sotto degli obiettivi.

Finora l’efficacia dei vaccini contro l’infezione stessa e contro lo sviluppo di lesioni precancerose era ben nota. Ma i dati erano meno precisi sulla frequenza dei tumori segnalati.

Questo è il contributo dello studio Lancet. Secondo i suoi risultati, c’è una marcata diminuzione dell’incidenza del cancro del collo dell’utero tra le donne ammissibili alla campagna di vaccinazione del Regno Unito, che è stata lanciata alla fine degli anni 2000.

vaccino alternativo

Questa diminuzione, misurata in relazione alla proporzione di casi nelle generazioni precedenti, si nota soprattutto nelle donne che hanno maggiori probabilità di aver ricevuto la vaccinazione precocemente, a 12 o 13 anni di età. Negli ultimi anni, il cancro del collo dell’utero è quasi scomparso lì.

READ  La vaccinazione può essere ottenuta senza appuntamento -

Queste conclusioni hanno dei limiti. Anche senza la vaccinazione, i ricercatori si aspetterebbero solo un numero limitato di tumori in questa fascia di età, che oggi ha solo 25 anni. Pertanto, sottolineano, sarà necessario continuare a studiare l’incidenza del cancro nei prossimi anni.

Inoltre, per un follow-up a lungo termine, lo studio ha esaminato solo le donne che hanno approfittato della campagna britannica in erba. Tuttavia, è stato in quel momento che è stato utilizzato il vaccino Cervarix, prodotto dal laboratorio GSK.

Da allora è stato sostituito dal Gardasil di Merck dagli Stati Uniti, afferma MSD al di fuori degli Stati Uniti, quindi lo studio non può trarre alcuna conclusione.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *