“La Ligue B è stata un’anomalia”, dice Cerniotti, il nuovo allenatore di un club ambizioso.

“La Ligue B è stata un’anomalia”, dice Cerniotti, il nuovo allenatore di un club ambizioso.

È Cador che siederà sulla panchina del Cannes la prossima stagione, nella serie B maschile. Campioni di Champions League con Tours (2005) e Trentino (2011), Roberto Cerniotti allenerà l’ambizioso club della Croisette, guidato dall’imprenditore australiano Craig Karaker, e proverà a trovare un’élite. “The Master” ha spiegato a RMC Sport in francese le sue scelte e la sua filosofia.

Roberto Cerniotti, perché era l’allenatore dell’AS?

L’idea mi frullava in testa da molto tempo. Il Cannes è stato uno dei club che mi ha attratto, una possibilità perché ho lavorato in Francia e l’AS Cannes era un club molto importante nel campionato. Ho iniziato la mia carriera da allenatore con Philip Blaine, a Cuneo, ex membro della Camera dei Deputati. È una bellissima città non lontana dall’Italia, da Cuneo dove vivo e mi alleno. Concretamente, Roberto Santelli, direttore sportivo del Cannes, mi ha chiamato al termine dei gironi di qualificazione della Ligue B. Ho parlato anche con Matteo Mirio del progetto. La stagione che si è conclusa non mi sono allenato perché non ho trovato un progetto sufficientemente interessante. Poi sono arrivato a Cannes. Come rifiutare.

È molto difficile rifiutare che si tratti di un progetto con mezzi e idee chiare. Rende le cose più facili, giusto?

Come sai, il denaro è importante ma non è sufficiente per il successo. Qui i dirigenti hanno l’ambizione di costruire un club che ha perso i suoi lustri e cerca la gloria del passato. Non è possibile vederlo giocare in seconda divisione. È un’anomalia. È come se il PSG giocasse in Ligue 2. Sono cose anomale per la società ma anche per la Lega, le associazioni e le società. Sono contento che questo progetto sia qui per tornare nella massima serie, per contribuire a migliorare la situazione attuale. È una responsabilità, ma mi piace prendermi le mie responsabilità.

READ  L'Ambasciata d'Italia a Kabul si è trasferita in Qatar

L’obiettivo potrebbe essere solo quello di tornare in Ligue 1 la prossima stagione?

Sì, appena possibile dico. Questo era davvero l’obiettivo di questa stagione. Quando riesci a costruire un grande progetto per un grande club, i risultati arrivano. La pressione ci sarà ma non mi spaventa, altrimenti non farei il lavoro. La pressione deve spingerti a essere migliore e a fare meglio perché c’è solo una squadra che vincerà e che alla fine crescerà.

Per quanto riguarda la squadra resta Jimenez così come, tra gli altri, Muel, Claimar e Biglinho a mantenere un quadro che già definisce la Lega B. Ho reclutato anche il passante danese Axel Jacobsen che arriva dal Panathinaikos. A 39 anni, cosa può portarti?

Jacobsen è un giocatore esperto che ha accettato di giocare a Cannes, sia in Ligue 1 che in Division 2. Ho contattato il suo allenatore ad Atene, uno dei miei ex assistenti, che mi ha assicurato che Axel era ancora in buona forma fisica. Ha molta esperienza e fiducia in questo progetto. È un leader.

Quando vinci 2 Champions League, 3 Coppe CEV e un Campionato Europeo con l’Italia, è facile portare l’AS Cannes in Ligue A, giusto?

No, è più facile allenare un club come il Tours. Quando sono arrivato nel 2004, il TVB era appena diventato campione di Francia con Vladimir Alekno in carica. Era semplicemente obbligatorio rimanere allo stesso livello e siamo stati campioni d’Europa nel 2005. Lì, sarò uno studente in Lega B.

Cosa hai tralasciato esattamente delle tue esperienze al Tour (2003-2006) e nella squadra della Francia dove eri assistente di Philipp Plain (2003-2004)?

Questa volta in Francia mi ha cambiato come persona e come allenatore. Lavorare con Philippe a Cuneo è stato un privilegio. Era un grande giocatore, una grande persona e un grande allenatore. Ero suo assistente a Cuneo, e lui mi ha chiamato al suo fianco, insieme a Glenn Hough, nella squadra francese dopo 10 anni. Ho imparato molto perché in Italia lavoriamo molto con la forza dei giocatori mentre in Francia lavoriamo su falli, difesa e corner offensivi. Ero immerso in questa visione francese della pallavolo. Seguo sempre le regole stabilite da Glenn Hough per cercare di fare il minor numero di errori possibile. Grazie a Pascal Foussard, Tours è stata quindi una continuazione di questo esperimento. Mi piace lavorare con giocatori intelligenti che possono innovare e adattarsi al gioco dell’avversario. In TVB c’erano quei giocatori che ora sono grandi allenatori come Henno (Nantes), Sammelvuo che ha vinto la Champions League con Kozle il 21 maggio. Avevo le lacrime agli occhi. La mia formazione all’AS Cannes sarà una continuazione di tutte queste esperienze.

Gli elementi più importanti

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *