La comunità internazionale condanna il colpo di stato in Myanmar

Il colpo di stato militare di lunedì in Myanmar, che ha arrestato il capo de facto del governo civile, Aung San Suu Kyi e altri leader, ha portato a una raffica di condanne in tutto il mondo.

Nazioni unite

Il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres condanna “fermamente” la detenzione militare di Aung San Suu Kyi e di altri leader politici. Con “l’annuncio del trasferimento di tutti i poteri legislativi, esecutivi e giudiziari all’esercito”, questo è un “colpo devastante (inferto) alle riforme democratiche in Birmania”.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si riunirà urgentemente martedì mattina per discutere la situazione in quel paese.

Thomas Andrews, il relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani in Birmania, ha accusato l’esercito birmano “colpevole di aver attaccato la nascente democrazia e il popolo”, citando “un’ombra densa che aleggia di nuovo” in tutto il paese.

Cina

La diplomazia cinese chiede agli attori politici birmani di “risolvere le loro divergenze nel quadro della costituzione e delle leggi al fine di mantenere la stabilità politica e sociale”.

stato unito

Il presidente Joe Biden ha risposto dicendo: “La comunità internazionale deve parlare con una sola voce per chiedere che l’esercito birmano ceda immediatamente il potere”, minacciando di reimporre le sanzioni.

Russia

“Speriamo in una soluzione pacifica della situazione, in conformità con la legge in vigore, riprendendo il dialogo politico e mantenendo lo sviluppo sociale ed economico sostenibile del Paese”, ha annunciato il diplomatico russo.

Unione Europea

Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha chiesto il “rilascio immediato” dei detenuti, chiedendo rispetto per il risultato elettorale.

READ  Secondo la stampa, il gigante del lusso Kering avrebbe dovuto pagare bonus ai dirigenti all'estero

Il popolo birmano “vuole la democrazia. L’Unione europea è con lui “, ha twittato Joseph Borrell, capo della diplomazia europea.

Francia

Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha denunciato “un inaccettabile scetticismo sul processo democratico” e ha chiesto “il rilascio immediato e incondizionato” di Aung San Suu Kyi e di tutti gli altri leader politici detenuti, chiedendo “il pieno rispetto dei risultati elettorali”.

Germania

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha invitato “l’esercito a rilasciare immediatamente i membri del governo e del parlamento detenuti” e a riconoscere i risultati delle elezioni.

Italia

La diplomazia italiana vuole “il rilascio immediato” di tutti i responsabili e “rispetto” per il risultato elettorale.

Spagna

Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha chiesto “l’immediato rilascio di tutti i detenuti e il ripristino del processo democratico”.

Altri paesi dell’Unione Europea

– “È chiaro che i problemi del Paese non saranno risolti da un colpo di stato militare”, ha stimato il capo della diplomazia finlandese, Pekka Haavisto.

– Il ministro degli Esteri svedese Anne Lind chiede all’esercito di “rispettare lo stato di diritto”.

Regno Unito

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha chiesto il rilascio dei “leader civili detenuti”, tra cui Aung San Suu Kyi, aggiungendo su Twitter: “Il voto del popolo deve essere rispettato”.

Le autorità britanniche hanno convocato l’ambasciatore birmano a Londra.

rugiada

“Lo stato di diritto e il processo democratico devono essere rispettati”, ha affermato il ministero degli Esteri indiano, esprimendo “profonda preoccupazione”.

Giappone

Il ministero degli Esteri giapponese esorta “l’esercito nazionale ad accelerare il ripristino del sistema politico democratico”.

Australia

“Chiediamo ai militari di rispettare lo stato di diritto, risolvere le controversie attraverso meccanismi legali e rilasciare immediatamente tutti i leader (politici) della società civile e altri detenuti illegalmente”, ha detto il ministro degli Esteri australiano Maryse Payne.

READ  Visualizza lavoro | Studio legale

svizzero

Il ministro degli esteri svizzero Ignacio Cassis, il cui paese ha aiutato i partiti birmani a firmare un codice di condotta per elezioni pacifiche e una campagna elettorale equa a giugno, ha chiesto una “ripresa immediata del dialogo”.

tacchino

Il governo turco, che era esso stesso l’obiettivo di un tentativo di colpo di stato nel 2016, “condanna fermamente la presa del potere da parte dell’esercito birmano”, secondo il ministero degli Esteri, che spera che “questo non aggraverà le condizioni dei musulmani Rohingya che vivono in dure condizioni nel paese. ” Birmania “.

Canada

Il Canada, attraverso il suo ministro degli Esteri Marc Garneau, ha chiamato “l’Esercito” […] Rilasciare tutti i detenuti in relazione a questo processo e porre immediatamente fine a tutti gli ostacoli al processo democratico “.

Bangladesh

“Come vicino immediato e amichevole, vorremmo vedere la pace e la stabilità in Birmania”, ha detto il Ministero degli Affari Esteri del Bangladesh, il Paese che ospita centinaia di migliaia di rifugiati Rohingya dalla Birmania.

Singapore

Il Ministero degli Affari Esteri di Singapore esprime la sua “grave preoccupazione” e spera che “tutte le parti mostrino moderazione”.

Comitato Nobel

Il Comitato norvegese per il Nobel ha affermato che il colpo di stato militare in Birmania e l’arresto di Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la pace nel 1991, e di molti altri leader, compreso lui, “hanno provocato uno scandalo”. Pubblicazione”.

Guarda il video

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *