ITW Nicolas Alberani, direttore sportivo dello Strasburgo: “Le infrastrutture in Francia sono 10 volte migliori che in Italia”

Nicola Alberani sta vivendo la sua seconda stagione completa come direttore sportivo della SIG Strasburgo. Questo italiano di 45 anni, sconosciuto al grande pubblico francese, ha tuttavia più di una corda nel suo inchino e molte storie da raccontare, comprese le differenze culturali tra Francia e Italia.

Ha iniziato la sua carriera a soli 22 anni a Forlì, in Italia, come Direttore Sportivo e Capo Scout. Dopo aver ceduto i diritti del club al Sassari, Nicolas Al Barani ha ripreso gli studi prima di tornare al front office dei club di basket, prima nell’altra squadra a Forlì, poi alla Virtus Roma e infine ad Avellino. Libero da ogni contratto a inizio 2020 dopo i problemi finanziari del club italiano, ha accettato la sfida presentatagli dal Consiglio Direttivo SIG, quella di diventare Direttore Sportivo. A quarantacinque anni, l’italiano è oggi al centro del successo multiculturale di Strasburgo, cogliendo – in un francese quasi perfetto – cesto europa Sulle sue esperienze passate, le differenze tra Italia e Francia, le sue ambizioni a Strasburgo o addirittura la gestione della causa di Jarrel Eddy, partito all’inizio di gennaio per Burgos.

Come hai scoperto il mondo del basket?
“Ho iniziato giovanissimo nel mondo del basket a Forlì, una vera città del basket, si può dire un po’ Limoges. È una città dove non c’è il calcio, solo il basket, cosa molto rara in Italia. Sono cresciuto guardando il squadre che dirige e compone Maurizio Gherardini (Nota del redattore: l’attuale Direttore Generale del Fenerbahce). Mi ha dato ispirazione. A 22 anni sono diventato direttore sportivo della seconda divisione italiana. Dopo tre anni in questa posizione, pensavo di aver bisogno di qualcos’altro per essere un buon Direttore Generale. Quindi ho creato un file Livello In economia internazionale poi un master in ospitalità per essere più completo. È stato dopo il mio ritorno al basket, dopo aver lavorato in Svizzera, negli Stati Uniti. »

READ  L'Italia impedisce alla Cina di prendere il controllo di uno dei suoi fiori all'occhiello nazionale, dimostrando la sua ritrovata indipendenza da Pechino - Business AM

Sei diventato direttore sportivo all’età di 22 anni a Forlì e il tuo giocatore Michael “Sugar” Ray Richardson, 44 anni, francese, aveva il doppio della tua età. Ottima esperienza, vero?
“Ovviamente. Questa esperienza è quasi da basket universitario. Ricordo…

Quale metodo di pagamento vuoi utilizzare?

Foto: Lacey Tovey / Strasburgo (FIBA)

Leggi anche… (e questi non sono annunci)

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *