Italia-Spagna: la sporca serata di Donnarumma ha fischiato il suo ritorno al Milan, tra lacrime e botte

“Sarà davvero triste, ho sempre dato tutto per il Milan. E anche perché sarà una partita importante”. Il messaggio tranquillizzante di Gianluigi Donnarumma in vista della semifinale di Nations League contro la Spagna di mercoledì sera, evidentemente, non è stato ascoltato dai tifosi. E’ stato ammonito, con l’accusa di un ritorno a San Siro, allo stadio del suo esordio da professionista a 16 anni, di fronte ai tifosi del Milan che lo hanno criticato per aver lasciato il club quest’estate – e per aver scelto invece il Mali. Atleta – Potrebbe andare storto… ma non avrebbe mai immaginato che si sarebbe rivelato un simile incubo.

Il portiere del Paris Saint-Germain è rimasto paralizzato durante la sconfitta (1-2) della squadra contro gli spagnoli, salvando solo due volte, compreso il gol in un’occasione di Marcos Alonso a fine gara (78), ma la questione non è stata senza colpa. Il mio obiettivo è Ferran Torres.

Innanzitutto, ancor prima dell’inizio dell’incontro, colui che è stato eletto miglior giocatore degli ultimi Europei in quanto artefice della vittoria finale italiana, il suo nome è stato sentito fischiare dai tifosi di San Siro, la stessa situazione mentre annunciava la composizione del Nacional, gridava ancora quando toccava la palla Il primo era dopo 4 minuti di gioco, e prima dell’incontro ho sentito cori ostili contro di lui e segnali che non era il “benvenuto”.

READ  Inghilterra: il West Ham passa in vantaggio eliminando il Leicester

Non è l’ideale per una partita ravvicinata. Questa atmosfera ostile può anche spiegare le scarse prestazioni del portiere. Sarebbe anche tornato negli spogliatoi a metà del tempo piangendo. La stampa sportiva italiana ha trascurato il medio gioco di proprietà del nativo Castellammare di Stabia. La Gazzetta, ad esempio, si è pentita del comportamento di questo tifo, preferendo, come il Corriere dello Sport, sottolineare il canto per la sua gloria a fine partita in un settore dello stadio.

Stessa sensazione per l’allenatore Roberto Mancini, per il quale “Donna” è il più grande portiere del mondo in questo momento”. Al microfono Mancini ha detto “scusa” a Donnarumma.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *