Italia: migranti africani arrestati dopo la morte di un guineano

Italia: migranti africani arrestati dopo la morte di un guineano

Le autorità romane hanno arrestato 14 migranti provenienti da nove paesi per il loro presunto coinvolgimento nei disordini in un centro di rimpatrio in seguito alla morte di un migrante proveniente dalla Guinea, ha detto lunedì la polizia.

Dopo che il corpo è stato scoperto domenica mattina, i migranti del centro hanno iniziato a dare fuoco ai materassi e a lanciare oggetti contro le forze dell'ordine. IL migranti ha utilizzato le cabine telefoniche per abbattere due tramezzi.

Un gruppo ha attaccato i veicoli della polizia parcheggiati, incendiandone uno, mentre un altro gruppo è entrato in una stanza dove le forze dell'ordine tenevano oggetti personali, che hanno preso. preso e distrutto. Secondo la polizia i sospettati hanno anche distrutto otto videocamere.

Le autorità hanno utilizzato gas lacrimogeno per calmare i disordini, che sono continuati fino a sera. Tre agenti sono rimasti feriti. I sospettati provengono da Maroccodal Pakistan, da GuineaCuba, Cile, SenegalDi TunisiaDi Nigeria e di Gambia.

Un deputato italiano che ha visitato il centro domenica ha detto che il 21enne guineano si è impiccato dopo aver espresso disperazione per non poter tornare a casa dalla sua famiglia.

“Questi centri sono buchi neri per i diritti e l’umanità”Lo ha detto Riccardo Magi alla tv La Repubblicachiedendone la chiusura. “La maggior parte delle persone detenute qui non verranno mai rimpatriate”.

READ  Chi può impedire a Remco Evenepoel di vincere il Giro d'Italia?

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *