In Kenya, la sterilizzazione dei leoni è controversa

In Kenya, la sterilizzazione dei leoni è controversa

I funzionari in Kenya hanno difeso la loro decisione di eseguire la vasectomia di un leone in cattività la scorsa settimana dopo che i residenti locali hanno chiesto che i gatti fossero rilasciati per riprodursi liberamente.

• Leggi anche: Sheba, la tigre che era tenuta come animale domestico, è stata uccisa

• Leggi anche: Sudan: tre leoni uccisi dopo aver tentato di fuggire da una base paramilitare

Il servizio ha affermato che il leone di 3 anni, che fa parte di un programma di riabilitazione a Nairobi volto a salvare animali orfani o feriti, è stato sterilizzato “allo scopo di controllare l’allevamento in cattività”. Fauna selvatica (Kenya Wildlife Service), KWS).

Ma la mossa ha suscitato indignazione, con alcuni kenioti che chiedono a KWS di scegliere di rilasciare i gatti in natura per aumentare il numero di leoni in via di estinzione.

“Quando gli animali selvatici vengono nutriti con il biberon, perdono i loro istinti naturali e se vengono rilasciati in natura sono a rischio”, ha affermato l’associazione in un comunicato stampa sabato.

Ha aggiunto che poiché la riproduzione “non è consentita nei centri in cattività”, i funzionari hanno ordinato una vasectomia.

Il Parco Nazionale di Nairobi ospita diverse specie di animali in via di estinzione, che il pubblico può vedere pascolare sullo sfondo dei grattacieli.

Ma i grandi felini sono sempre più sotto pressione in una delle città in più rapida crescita dell’Africa, specialmente nei suoi ex terreni di caccia.

READ  in video | Un elefante marino cerca di entrare in un minimarket

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *