In Italia, cresce l'influenza del governo sui media

In Italia, cresce l'influenza del governo sui media
Giorgia Meloni durante una trasmissione televisiva a Roma, 4 aprile 2024.
FILIPPO MONTEFORTE/AFP

STORIA – I giornalisti denunciano una serie di misure che riducono drasticamente lo spazio della critica, soprattutto nei telegiornali.

Giorgia Meloni aveva promesso di affrontare”l’egemonia culturale della sinistra»per rendere più udibile la destra italiana. Un vasto progetto culturale con una finalità politica che prevede, tra l'altro, una solida presa di possesso dell'informazione, che comincia a suscitare forti resistenze tra i giornalisti italiani, solitamente piuttosto docili.

Lo dimostra, ad esempio, lo sciopero di cinque giorni dei giornalisti della RAI, la stazione radiotelevisiva pubblica, che rifiutano di diventare “megafono del governo”. Come il nuovo sciopero di tre giorni dei giornalisti dell'AGI, la seconda agenzia di stampa, che da un mese si oppongono fermamente alla sua cessione a un deputato della Lega, vicino alla Meloni.

Niente più autonomia

Dal 1975 il pluralismo del servizio pubblico radiotelevisivo era stato garantito dall'attribuzione della prima rete ai democristiani, della seconda ai socialisti e della terza ai comunisti. Un sistema che tuttavia si è indebolito, in particolare dopo Matteo Renzi, in…

Questo articolo è riservato agli abbonati. Ti resta l'80% da scoprire.

Vuoi leggere di più?

Sblocca immediatamente tutti gli oggetti.

Già iscritto? Login

READ  si susseguono gli arresti in Italia dopo gli insulti razzisti nei confronti di Maignan

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *