“In Francia, mi hanno detto che ero troppo piccolo” / Italia / Cassino / SOFOOT.com

Tutto per il calcio. Il sedicenne Luca Ginevrino ha esordito con il Cassino Calcio 1924 in Serie D. Il centrocampista della staffetta di Seine-et-Marne è entrato a far parte del club italiano nell’estate del 2019, avvistato in vacanza durante un torneo nel villaggio della nonna. Intervista con una speranza, che sicuramente non avrebbe mai avuto una possibilità nel suo paese natale.

Come ti sei sentito all’esordio con la prima squadra di Cassino in Serie D?
Mi ha reso felice di entrare in questa partita, perché era una buona squadra di fronte (Savoia è terzo nella Pool G, Cassino è nono, ndr), e il risultato della partita non è stato ancora registrato sull’1-1. È stata molta emozione, gioia e nient’altro che positiva. Ho cercato di dare il meglio di me stessa nei pochi minuti che avevo, ed ero molto felice senza sentirmi stressata. Ero già partito per riscaldarmi per entrare in una partita tre settimane fa, ma sono rimasto in panchina a causa di un cartellino rosso di un mio compagno di squadra. Ci sono tanti giovani nella mia squadra, il presidente di Cassine conta su di noi. Comunque in Serie D devono esserci almeno quattro detentori sotto i 21 anni. Ma abbiamo anche tanti giocatori esperti che hanno giocato più in alto, come il nostro capitano Imperio Carcione (38) da cui sto imparando molto.

“Il livello più alto che ho giocato in Francia è con gli U15, in R3. ”

Hai firmato con Cassino a settembre 2019, ma il calcio non è ancora la tua vita quotidiana al 100%?
La Serie D è semiprofessionale. Ho firmato un contratto federale di un anno e contemporaneamente andrò al liceo. Per tutta la settimana, ho lezioni dalle 8:00 alle 13:00. Al momento è in video, perché è chiuso. Poi vado ad allenarmi dalle 14 alle 17

READ  non votiamo mai contro il Partito Democratico

Qual è stato il tuo background calcistico fino ad ora?
Sono nato a Lagny-sur-Marne in Seine-et-Marne, e ho iniziato a giocare a calcio nel mio villaggio di Saint-Pathus. Poi, ho giocato a Saint-Soupplets e Meaux da U10 a U15. Il livello più alto che ho giocato in Francia è con gli U15, in R3.

“All’inizio è stato necessariamente un po ‘difficile perché non parlavo affatto italiano. Ma ho imparato abbastanza velocemente. ”

Qual è la storia di questo torneo natalizio in cui sei stato notato?
Ogni estate venivo in Italia nel villaggio di mia nonna paterna a Cervaro. È un piccolo villaggio dove tutti si conoscono e ogni estate c’è un torneo per tenere impegnati i giovani con squadre di tutte le età. Un giorno, dovevo avere sei o sette anni, giocavo in mezzo alla piazza del paese. Il ragazzo che gestisce il torneo è venuto da me e ha detto: “Perché non fai il torneo?” ” Ne ha discusso con mio padre e io sono riuscito a entrare in una squadra, ma non con spirito competitivo. L’estate del mio tredicesimo compleanno, in questo stesso torneo, il direttore sportivo di Cassine è venuto a parlare con mio padre e si sono tenuti in contatto. Due anni dopo, nel dicembre 2018, sono tornato in vacanza e mio padre lo ha contattato per potermi allenare con il club. Mi sono allenato per due settimane con gli U15 Cassine e ho firmato con loro a settembre 2019 per unirmi prima agli U16 d’élite.
Perché hai lasciato la Francia? Non è stato troppo difficile andarsene così giovane?
Ho preso questa decisione perché in Francia avevo fatto molti test nei club professionistici. Ad Amiens, al Paris Saint-Germain … Ma ogni volta mi è stato detto che ero troppo piccolo, anche se tecnicamente al di sopra. Amo il calcio e cerco di seguire il mio sogno di diventare un professionista. All’inizio sarebbe stato un po ‘difficile perché non parlavo affatto italiano. Ma ho imparato abbastanza velocemente. È stato un po ‘difficile lasciare i miei amici, ma ho tempo per gli amici. Una carriera nel calcio non è per sempre, quindi ho preferito cogliere questa opportunità.

READ  Covid, Papa Francesco: "Il vaccino è una luce di speranza se è a disposizione di tutti"

“Se mi do tutte le possibilità, posso avere successo. ”

Presto entrerai a far parte del team della “Rappresentativa Serie D”, puoi dirci di più?
È un raduno dei migliori giocatori dilettanti, una nazionale composta dai migliori giovani della divisione. Prenderemo parte a partite e tornei con grandi squadre giovanili, come il Barça o il Dortmund.

D’altronde parliamo già di te in Serie B e Serie A. Ne hai sentito parlare?
Sì, le squadre sono già interessate a me dall’anno scorso. Sono tanti i recruiter, di Serie A e Serie B, che vengono alle nostre partite.

Quali sono i tuoi obiettivi di carriera?
Vai il più lontano possibile. So che potrebbe non funzionare. Ma se mi do tutte le possibilità, posso avere successo. Devo solo non avere rimpianti. In ogni caso, voglio raggiungere il livello più alto.

“In Francia mi hanno chiuso tutte le porte mentre mi lasciavano entrare in Italia. ”

Se dovessi già fare una scelta per una possibile carriera internazionale, sceglieresti la Francia o l’Italia?
Suonerei per l’Italia, sarebbe come un ringraziamento. In Francia mi hanno chiuso tutte le porte, mentre mi lasciavano entrare in Italia. Ho già potuto ottenere la cittadinanza italiana.

Intervista di Alexandre Delfau

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *