Il virus Ebola in Guinea potrebbe essere collegato a un sopravvissuto all’epidemia del 2014 (OMS)

Un alto funzionario dell’OMS ha affermato che l’analisi genetica dell’attuale epidemia di virus Ebola in Guinea indica che potrebbe essere stata causata da un sopravvissuto alla devastante epidemia in Africa occidentale terminata cinque anni fa.

Durante una conferenza stampa a Ginevra, il capo delle emergenze dell’OMS, il dottor Michael Ryan, ha descritto i risultati del sequenziamento genetico del virus in Guinea come “molto impressionanti”.

Scienziati africani e tedeschi hanno pubblicato i loro risultati sul sito web di virologia venerdì, concludendo che il virus attuale, che sta infettando le persone con la malattia in Guinea, è molto simile a quello che ha dato inizio alla diffusa epidemia in Africa occidentale.

“Saranno necessari ulteriori studi”, ha detto Ryan. Ma ha aggiunto che, sulla base dei dati di sequenza genetica disponibili, è improbabile che l’attuale epidemia sia correlata agli animali, che è iniziata in quasi tutte le epidemie precedenti. “[Ceci] Molto probabilmente è correlato alla perseveranza [du virus] O la latenza dell’infezione negli esseri umani. “Ryan ha detto che questo sarà probabilmente il periodo più lungo che il virus ha durato tra i focolai.

Gli scienziati hanno precedentemente documentato sopravvissuti che hanno inavvertitamente infettato altri molto tempo dopo la guarigione, ma questi rari casi non hanno causato epidemie. Nel 2018, i medici hanno pubblicato uno studio su una donna liberiana che probabilmente ha contratto l’Ebola nel 2014, ma ha infettato tre dei suoi cari circa un anno dopo.

I funzionari sanitari hanno anche avvertito che gli uomini a volte possono trasmettere l’infezione ad altre persone attraverso l’attività sessuale molto tempo dopo che si sono ripresi: il virus può rimanere nello sperma per più di un anno.

READ  Crede nella scienza, signor Legault?

La rara possibilità di diffondersi molto tempo dopo un infortunio sottolinea l’importanza di monitorare i sopravvissuti e Ryan ha avvertito dello stigma che devono affrontare. Ha detto che la stragrande maggioranza delle persone con la malattia elimina il virus dai propri sistemi e guarisce entro sei mesi.

Ryan ha detto che una piccola percentuale di persone finisce per essere incinta del virus ma non è contagiosa per gli altri “tranne in circostanze molto speciali”.

Ha detto che finora ci sono 18 casi di infezione da virus Ebola in Guinea e che l’Organizzazione mondiale della sanità ha inviato più di 30.000 dosi del vaccino al paese.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *