Il processo a Trump: già difficile e la selezione della giuria complicata dalla regola dell'anonimato

Il processo a Trump: già difficile e la selezione della giuria complicata dalla regola dell'anonimato

Scegliere dodici giurati capaci di processare equamente un imputato famoso e controverso è infatti un processo complesso. Ma nello storico processo di impeachment di Donald Trump, la necessità di mantenere segreta la propria identità aggiunge un ulteriore livello di difficoltà.

• Leggi anche: Processo di impeachment di Trump: la selezione della giuria entra nella fase finale

• Leggi anche: Tutti i 12 giurati sono stati selezionati per il processo di Trump a New York

• Leggi anche: Aiuti all'Ucraina: il commento di Trump offende l'Europa, che deve “mettere le cose in chiaro”

All'inizio di marzo, il giudice Merchan ha stabilito che solo i nomi dei giurati e gli indirizzi di lavoro e di casa sarebbero stati divulgati alle parti, a causa del “potenziale rischio di corruzione, manomissione della giuria, danni fisici o molestie”.

Ma da lunedì, i potenziali giurati, identificati solo dai numeri, hanno rivelato interi aspetti della loro vita rispondendo a 42 domande in tribunale, relative specificamente al loro quartiere, alla loro situazione professionale e familiare, al loro livello di istruzione o ai loro hobby. .

Questa trasparenza parziale ha minato il completo anonimato voluto dal giudice.

Uno dei giurati convocati per il primo giorno, un'infermiera oncologica, gli ha parlato delle sue “preoccupazioni” giovedì dopo che coloro che la circondavano l'avevano informata che era stata identificata come potenziale giurato.

Dopo una breve discussione, il giudice Merchan l'ha esonerata dal far parte della giuria.

“Abbiamo semplicemente perso” quello che era senza dubbio un buon giurato, si è lamentato, e ha ordinato ai giornalisti presenti di non menzionare gli oggetti fisici che avrebbero permesso di identificare i membri della giuria. Il giudice si è particolarmente rammaricato di aver menzionato l'accento irlandese di un giurato.

READ  Il terzo imputato nel caso Trump in Georgia si è dichiarato colpevole

Ha inoltre ordinato che le risposte alle domande sugli attuali o ex datori di lavoro dei giurati non fossero pubblicate sui media o registrate nella trascrizione del procedimento. “Sta diventando un problema”, ha commentato.

Nonostante queste insidie, già venerdì mattina erano stati selezionati i dodici membri della giuria e uno dei sei sostituti richiesti.

Lo scopo di questo processo di “voir dire” (letteralmente “dire la verità” secondo un termine del francese antico) è quello di selezionare 12 giurati e sei supplenti per questo processo che durerà dalle sei alle otto settimane, o almeno fino alla sua conclusione. tenuto. Fine di maggio.

Questa pratica appare più delicata con il miliardario repubblicano che si lamenta di essere perseguito a New York, roccaforte democratica, un messaggio ripreso dai suoi sostenitori sui social network e sui media conservatori.

Contrariamente alla pratica, e per ragioni logistiche, il giudice ha annunciato l'8 aprile che i potenziali giurati che si fossero dichiarati impossibilitati a presenziare all'intera durata del processo o che fossero stati neutrali sarebbero stati esonerati, senza dover fornire una giustificazione.

Devono anche decidere come ottenere le informazioni e se hanno un’opinione su come viene trattato Donald Trump in merito o su come il suo status di candidato alle elezioni presidenziali di novembre influisce sulla loro imparzialità.

Centinaia di residenti di Manhattan selezionati casualmente hanno ricevuto una convocazione in tribunale il 15 aprile.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *