Il primo grande progetto di Enerdrape

Il primo grande progetto di Enerdrape

Proviamo un certo sollievo, persino sollievo, negli occhi di Margot Peltier, Preside di Enerdrape. Dietro di lei, nel parcheggio di Coop a Renens, siedono centinaia di pannelli termici che la sua azienda ha installato ad aprile. Ce ne sono anche alcuni lungo una rampa che porta le auto al piano di sotto e alcuni sono anche nei sotterranei.

In effetti, quasi non li notiamo. Sono sicuramente grandi, 140 cm di altezza e 70 di larghezza ciascuno. Bianco, decorato nei toni del fogliame, blu, verde e beige, in tutto sono 204 pezzi, ma occupano poco spazio, circa 2 cm di diametro. Sembrava addirittura che stessero riposando qui da sempre.

Semplice come una cella fotovoltaica

“È fantastico vederli qui”, si rallegra il capo di Enerdrape. L’azienda, fondata nel 2021 nell’EPFL, ha lavorato duramente per ottenere il suo primo contratto importante. Ha vinto numerosi premi, ha installato prototipi in un parcheggio a Sébeillon, Losanna, ha raccolto fondi e ottenuto un’ampia copertura mediatica. Ma il primo grande progetto era atteso da tempo, senza dubbio pagando il riscatto per il nuovo arrivato che arriva con un prodotto che non ha mai visto prima.

Enerdrape è il vincitore del Prix SUD (“Sustainable Startup”) 2022, riconoscimento assegnato ogni anno da Romande Energie e il tempo. L’azienda vodese sta sviluppando pannelli che catturano gratuitamente il calore naturale di un seminterrato, o il fresco d’estate, una volta installati. Semplice come il fotovoltaico se non fosse che la sua tecnologia geotermica no-drill funziona anche di notte o quando piove d’estate e d’inverno. È meno potente ma non utilizza metalli rari o apparecchiature elettroniche. Non produce energia elettrica ma attraverso una pompa di calore, calda o fredda.

READ  Nizza: CCI italiana e MEB, storico accordo di cooperazione economica

Leggi anche: Enerdrape, i tanto attesi aggiustamenti pre-volo

Difficile dire a questo punto quanto la soluzione Enerdrape riscalderà o, in estate, raffrescherà l’edificio Coop perché è in ristrutturazione (la sua caldaia a gas deve essere sostituita con una pompa di calore). Ma se i risultati sono gli stessi di Sébeillon, ogni metro quadrato del pannello sarà riscaldato tra il 6 e il 7 del pavimento. Un quinto del complesso Renens avrà un’alimentazione elettrica gratuita e non inquinante 24 ore su 24 quando l’impianto sarà collegato al proprio impianto idrico (Coop dovrà allacciare le tubazioni alla pompa di calore, quando sarà installata).

“Siamo sulla buona strada, i pianeti sono allineati”, osserva Margot Peltier, che spera che il “biglietto da visita” che la realizzazione di Reynens dovrebbe rappresentare abbia un effetto valanga. C’era anche un potenziale cliente in loco il giorno prima della nostra visita, per avere un’idea migliore.

Fondi immobiliari all’orizzonte

“Stiamo discutendo con diversi fondi immobiliari che vogliono decarbonizzare i loro asset nella Svizzera romanda”, afferma Margot Peltier. Le porte si stanno aprendo anche negli Stati Uniti, dove a marzo le autorità hanno concesso il primo brevetto di Enerdrape. La segnaletica sarà installata a Chicago quest’estate e sono in corso studi di fattibilità a New York. In caso di risultati positivi, può portare a progetti su larga scala. Il quadro normativo in Francia, che ora obbliga i proprietari a considerare il potenziale energetico nel sottosuolo dei loro terreni, apre le porte anche a Enerdrape.

L’azienda dice che è pronta ad aumentare il ritmo. Un produttore italiano gli ha fornito 600 lastre. Dovrebbe consegnarne altri 400 a maggio e potrebbe produrne altri. Lo spazio di archiviazione è stato trovato in Svizzera. La collaborazione con l’installatore, Coutaz Bussigny, sta andando bene, soprattutto perché la controllata EPFL vuole assicurarsi che i suoi pannelli siano il più semplici possibile da installare.

READ  Giorgia Meloni, Un anno di misterioso cammino tra Roma e Bruxelles

Leggi anche: Enerdrape o energia geotermica senza perforazione

A Reigns, i pannelli che adornano il parcheggio della Coop sono in realtà una copertura, e anche uno strato di protezione se un’auto li tocca. Il calore infatti si trasferisce dietro, sugli altri pannelli di alluminio. È dotato di un circuito chiuso – un tubo che segue curve arrotondate come un radiatore – riempito di acqua glicolata, che cattura il calore dalle pareti (soprattutto) e dall’aria. Quando esci, l’acqua ha guadagnato 3-4 gradi, il che migliora notevolmente l’efficienza della pompa di calore.

clima “slancio”.

“I pannelli cosmetici sono realizzati in alluminio e stiamo anche pensando di costruirli con altri materiali riciclati, il che rende più facile stampare qualcosa su di essi, come ad esempio una pubblicità”, osserva Margot Peltier. Carte Renens attaccate alle assi.

“Nel complesso, non siamo stati lenti, probabilmente perché siamo arrivati ​​al momento giusto”, afferma. Nel mezzo di una crisi energetica, che ha visto impennare i prezzi del gas, e in un contesto in cui la questione climatica è diventata centrale. La soluzione di Enerdrape è complementare ad altre fonti di energia rinnovabile, come il fotovoltaico, ma i parcheggi o altri tunnel devono essere di una certa dimensione per valere la pena installarli.

Leggi ancora: La tecnologia svizzera sta affrontando la crisi climatica

Enerdrape impiega quattro persone in un ufficio vicino all’EPFL e sta cercando qualcuno con esperienza di vendita. Per trovare e acquisire nuovi clienti, non è più un piccolo scatto ma una “azienda consolidata”, secondo il suo fondatore.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *