il pericoloso percorso intrapreso dai migranti che cercano di passare illegalmente dall'Italia alla Francia · Global Voices in Italiano

il pericoloso percorso intrapreso dai migranti che cercano di passare illegalmente dall'Italia alla Francia · Global Voices in Italiano

Due giornalisti seguono il disperato cammino dei migranti attraverso le montagne

Foto di Edoardo Marangon, utilizzata con autorizzazione.

Emanuele Bussa e Edoardo Marangon sono giornalisti italiani indipendentiinteressante a crisi nmirrazionale Da I migranti hanno iniziato a utilizzare il passaggio della morte nel 2015. IHanno deciso di coprire il viaggio dei migranti che cercano di raggiungere la Francia attraverso il confine settentrionale italiano. Hanno percorso il pericoloso percorso seguito dai migranti per entrare clandestinamente in Francia per raccontare la loro storia e sperimentare in prima persona le difficoltà di percorrere questa strada.

Lo stretto sentiero si snoda sul fianco della montagna attorno alla piccola valle dove scorre il torrente Saint-Louis, conducendo sul crinale della cittadina francese di Mentone, a pochi passi dal confine italiano. Questo percorso si chiama Passage de la Mort ma è stato recentemente ribattezzato Chemin des Chiffons a causa dei vestiti, delle borse e delle valigie lasciati dai migranti che percorrono il sentiero cercando di passare inosservati attraverso il confine francese. Questo percorso rappresenta il tentativo più estremo che queste persone compiono per raggiungere la Francia, solitamente dopo un viaggio lungo e pericoloso che inizia sulle coste dell'Africa o del Medio Oriente.

Molti di loro arrivarono nel Sud Italia dopo aver attraversato il Mar Mediterraneo, per poi viaggiare in treno o a piedi fino a Grimaldi, l'ultimo comune italiano prima del confine francese. Tentano di entrare legalmente in Francia dal ponte Saint-Louis. In genere, però, vengono allontanati e riportati al vicino commissariato italiano, dove aspettano la navetta che li porterà. ti riporterà nella città italiana di Ventimiglia. Il giorno dopo tornano per tentare la fortuna, come Mohamed, un guineano di 16 anni che cerca disperatamente di raggiungere Parigi.

“Mio fratello è lì, ma non posso attraversare il confine. Quando sono arrivato a Lampedusa sono stato dichiarato nato nel 2005, ma il mio certificato di nascita indica che sono nato nel 2007. Ogni volta vengo respinto dalla polizia francese. Non so dove andare. Penso che proverò il percorso attraverso le montagne.

Alcuni di loro non possono più aspettare; Non hanno altra scelta, perché non possono attraversare il confine legalmente, o non hanno abbastanza soldi per pagare i “trafficanti” che vorrebbero introdurli clandestinamente attraverso il confine. Così, la speranza di una vita migliore in Francia o nel Regno Unito li spinge a sfidare il Passo della Morte, accessibile da un sentiero che parte da Grimaldi alta, pochi chilometri sopra il ponte Saint-Louis. Il sentiero è utilizzato fin dagli anni Novanta dell'Ottocento, come spiega Enzo Barnabà, professore di letteratura francese, che vive a Grimaldi e che recentemente ha iniziato a interessarsi allo studio dei flussi migratori.

Professor Enzo Barnabà. Foto di Edoardo Marangon, utilizzata con autorizzazione.

“Il percorso inizialmente veniva utilizzato dai contrabbandieri e dagli italiani che volevano entrare in Francia senza passare la dogana. Poi, durante il fascismo, molti lavoratori italiani, antifascisti ed ebrei presero il Col de Mort per entrare in Francia. Molti di loro morirono perché, una volta attraversato il confine, il sentiero porta ad un dirupo. Molti migranti e rifugiati non conoscevano la strada giusta, poiché attraversavano il passo di notte e molti di loro cadevano dal dirupo. Per questo motivo il sentiero ricevette il famigerato nome di “Passo della Morte”.

READ  Rapporti con Spagna, Italia, Ucraina... Cosa ha detto Tebboune?

Il sentiero fu poi quasi dimenticato e nessuno lo utilizzò per quasi 60 anni, ma nel 2015 Barnabà ha avviato il proprio progetto di ripulitura del sentiero per il suo valore storico.

“Io e alcuni volontari abbiamo terminato la pulizia nel maggio 2015 e volevamo ribattezzare il sentiero Passo della Speranza. Tuttavia, pochi mesi dopo, la prima grande ondata migratoria colpì l’Italia, e molte di queste persone raggiunsero il passo per continuare il loro viaggio”.

Barnabà è conosciuto come il “Guardiano del Passaggio della Morte”. Gli piace parlare con i migranti, dare loro indicazioni per evitare i pericoli e ascoltare le loro storie:

Sono solo un osservatore. Tuttavia, cerco di aiutare queste persone; molti di loro sono solo bambini e credo fermamente che il futuro dell’Europa riposi sulle loro fragili spalle.

Buco nella recinzione lungo il confine francese. Foto di Edoardo Marangon, utilizzata con autorizzazione.

I migranti generalmente iniziano il loro viaggio la sera; scivolano attraverso Grimaldi come ombre silenziose, muovendosi più veloci man mano che passano le ultime ore della giornata. Impiegano circa un'ora per raggiungere il grande buco scavato nella recinzione che delimita il confine. Lungo il percorso emergono dall'erba resti di bivacchi improvvisati, sacchi a pelo abbandonati e bottiglie d'acqua vuote, insieme a vestiti, scarpe e zaini, che riempiono anche le case abbandonate lungo il percorso, talvolta utilizzate come rifugio temporaneo dai migranti per riposarsi. o passare la notte.

Seguono i simboli dipinti sulle rocce per guidarli lungo il percorso; frecce rosse e soli rossi a forma di mezzaluna indicano loro la strada giusta, e quando arriva l'oscurità, le pietre dipinte con vernice fotosensibile vengono in loro aiuto, come un sentiero di stelle, creato dall'architetto italiano Cavalli, che li aiuta a seguire la strada giusta e dà loro speranza.

READ  Italia: Visita di Stato del presidente algerino Abdelmadjid Tebboune

Ogni giorno almeno 10 migranti tentano questo pericoloso viaggio. Amsa dall'Algeria è una di queste; la sua pelle è ricoperta di cicatrici e la sua mano sinistra è gravemente ferita; tuttavia non si ferma, desideroso di raggiungere la sua destinazione.

“Ho vissuto a Bari per un po', ero senza casa, sono arrivato a Ventimiglia in treno e ora sto andando a Parigi”, ha detto, parlando un mix di francese, italiano e spagnolo. “Spero di trovare un lavoro e un posto dove vivere lì. Non ho paura di essere arrestato dall'esercito e dalla polizia. È sabato ; non funzionano oggi. »

Si affronta la parte più ripida del sentiero, utilizzando le corde che i volontari legano agli alberi. Porta solo una piccola borsa e un maglione, gli unici bagagli di cui ha bisogno perché deve velocemente mossa.

Mentre il sole tramonta, un nuovo gruppo di migranti si avvicina all’inizio del percorso. Un gruppo di bambini sudanesi scivola lungo il pendio iniziale, seguito da Assan, un ragazzo guineano; non parla inglese, quindi non riesce a comunicare con i suoi compagni di viaggio e questi lo lasciano indietro. Indossa una maglietta blu e pantaloni arancioni e porta un piccolo zaino. Ha perso di vista i suoi amici e non sa più quale direzione prendere. Corre come se fosse seguito, ignaro che non ci sono né soldati né agenti di polizia a controllare il passaggio prima del confine francese. Cerca segnali e simboli a ogni bivio per identificare il modo migliore per attraversare il passo e, con l'avvicinarsi della notte, le pietre sul sentiero iniziano a brillare, dandogli una traccia chiara da seguire.

Venivo da Lampedusa. Devo raggiungere mio fratello a Marsiglia. Non conosco la strada, ma devo arrivarci.

Foto di Edoardo Marangon, utilizzata con autorizzazione.

Dove il sentiero si allarga, si ferma improvvisamente per cambiarsi i pantaloni con dei pantaloncini neri. “Sarà più difficile per i soldati vedermi”, dice, poi continua a correre, spinto da un misto di speranza e paura. Sa di avere solo due opzioni: raggiungere Marsiglia o essere arrestato dalla polizia francese e rimandato in Italia, ma questo barlume di speranza gli basta per proseguire, ignorando la fatica e la durezza del cammino. È sicuro che riuscirà ad arrivare dall'altra parte. Non c’è spazio per esitazioni.

Foto di Edoardo Marangon, utilizzata con autorizzazione.

In Italia esistono almeno sette valichi alpini che conducono in Francia, strettamente controllati dalle autorità francesi. A Grimaldi, in media, 150 persone cercano di entrare in Francia ogni giorno, con mezzi legali e illegali. Coloro che vengono catturati vengono portati al commissariato di Mentone, dove aspettano tutta la notte prima di essere rimandati in Italia la mattina. Sono stati presi in custodia dalla polizia italiana, identificati e poi rilasciati. Per molti di loro, questo processo è diventato gradualmente una drammatica routine. Dovranno scegliere tra essere respinti alla frontiera, tentare di entrare in Francia pagando un “contrabbandiere” o tentare il pericoloso percorso lungo il Col de la Mort. Non è possibile capire quello che stanno attraversando, ma arrendersi non è un’opzione. Quindi sono costretti a scegliere ogni giorno.

Lettura dei graffiti

Graffiti con la scritta “Il confine uccide” in francese a Ventimiglia, Italia. Foto di Edoardo Marangon, utilizzata con autorizzazione.

Sui muri di Ventimiglia qualcuno ha scritto “Il confine uccide”, un messaggio inquietante che nasconde un’amara verità. Varcare il passo della morte significa superare i limiti e sfidare la morte, ma per Assan e migliaia di altri come lui è anche l'unica strada verso un futuro migliore e pieno di opportunità. Una prospettiva per cui vale la pena rischiare tutto.

READ  Italia: Antonio Tajani succede a Silvio Berlusconi alla guida di Forza Italia

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *