“Il lettore francese vuole capire l’Italia attraverso la sua letteratura”

“Il lettore francese vuole capire l’Italia attraverso la sua letteratura”

Federica Malinverno: Come è nato il progetto La libreria?

Firenze Raut : Dopo l'esperienza come traduttrice dall'italiano al francese, mi sono avvicinata Leggere per dovuto, una libreria-caffetteria di Parigi che vendeva solo libri in italiano, e il suo proprietario Gennaro Capuano che, dopo aver condiviso con me progetti culturali, stava valutando la possibilità di vendere la sua libreria. Ero interessato a comprare, ma nel quarto arrondissement gli affitti erano molto alti.

Anche se non avevo esperienza nel mondo degli affari o del commercio, leggevo molto. Inoltre mi piacevano le persone e mi piaceva il progetto di fondare una libreria. Poi, circa un anno prima della chiusura dell' Leggere per dovuto, Gennaro mi ha affidato la libreria e mi sono ritrovata lì, da sola, a fare il caffè, ma anche a vendere libri. Ho poi scoperto, anche se tardivamente, il mio vocazione. Ed era un Esperienza sul campo molto utile.

Quando ho deciso di creare la mia libreria, mi sono detto che mi sarebbe piaciuto vendere anche libri in francese. Quindi ho seguito un breve e intensivo corso di formazione presso l’Istituto Nazionale di Formazione dei Librai (INFL) e ho aperto una libreria franco-italiana con un socio italiano che mi ha lasciato tre anni dopo.

Quindi il vostro progetto prevedeva anche la vendita di libri in francese?

Firenze Raut: All'epoca – era il 2006 – non c'era nessuna libreria francese nel quartiere in cui avevo fondato La libreria, e così ho pensato, almeno inizialmente, di proporre libri anche in francese. All'inizio avevamo una clientela di quartiere prevalentemente francese. Oggi abbiamo una clientela affezionata e consolidata nel quartiere, ma col tempo la parte italiana è diventata più importante in termini economici.

READ  Autore di furto d'ascia, un marocchino estradato in Italia dalla Francia

Come costruisci il tuo assortimento?

Firenze Raut: Inizialmente mi sono ispirato all'assortimento della libreria Gennaro, adattandolo ai miei gusti letterari. Sulla base delle mie conoscenze e del mio lavoro bibliografico, abbiamo messo insieme un assortimento che spazia dai classici latini e greci a Dante e Cavalcanti, passando per l'Ottocento, il Novecento e autori più contemporanei come Tabucchi, Ammaniti.. . È difficile nominarli tutti, ma lo siamo aperto a cose nuove e scoperte!

Dalla tua apertura nel 2006, hai notato un'evoluzione nella ricezione e percezione della letteratura italiana da parte del pubblico francese?

Firenze Raut: In Francia, la percezione della letteratura italiana è legata soprattutto a una decina di autori conosciuti e riconosciuti, come, tra i contemporanei, Erri De Luca e Alessandro Baricco.
Se ci riferiamo anche ad anni meno recenti, l'atteggiamento nei confronti della letteratura italiana è cambiato Umberto Ecocon il successo di Nome della rosa (1980, Bompiani e 1981, Grasset). Più recentemente, ricordo il fenomeno Goliarda Sapienza (L'arte della gioia è uscito nel 2005, Le Tripode, trad. Nathalie Castagne).

Poi, nel gennaio 2007, si è fatta notare un'altra autrice, Milena Agus, pubblicata in Francia da Liana Levi (trad. Dominique Vittoz) e in Italia da Nottetempo: Dolore di pietra (Mal di pietre) è diventato un fenomeno editoriale in Francia. Finalmente è il turno diElena Ferrantepubblicato in Italia nel 2011, per fare un vero salto in avanti in termini di vendite.

Qual è la quota dei libri in francese sul vostro fatturato complessivo?

Firenze Raut: Circa il 40% del nostro fatturato è costituito da libri in francese di autori italiani ma anche francesi o di altre nazionalità. Il restante 60% è costituito da libri in lingua italiana.

READ  una sigaretta e una tuta annunciano Sarri alla Lazio

Come sono andate le vendite alla Fiera del Libro di Parigi 2023?

Firenze Raut: In base a ciò che vendiamo abitualmente nelle librerie e all'esperienza che ho avuto in altri eventi come Italissimo [le festival de littérature italienne fondé par Fabio Gambaro il y a neuf ans à Paris, NDR]abbiamo potuto costituire una bibliografia di testi da suggerire alla Fiera del Libro. Le vendite sono andate bene, abbiamo dovuto rispedire relativamente pochi libri in Italia. Uno degli autori più apprezzati è Paolo Cognetti, seguito da autori di gialli (Gianrico Carofiglio, Maurizio De Giovanni, Donato Carrisi, Giancarlo De Cataldo), oltre a scrittrici come Stefania Auci e Goliarda Sapienza.

Le vendite regolari delle vostre librerie dipendono ancora molto dai classici?

Firenze Raut: Alcuni libri di autori contemporanei da noi proposti, come Veronica Raimo, Alessandro Barbaglia o Fabio Bacà, hanno ottenuto ottimi risultati, ma è vero che ci sono ancora tanti classici che vendono regolarmente, in particolare Alberto Moravia e Italo Calvino.

Inoltre il pubblico francese, soprattutto adulto, cerca spesso autori classici e bella scrittura, anche se noi consigliamo autori diversi a seconda del livello di conoscenza della lingua italiana dei lettori. Vendiamo molte copie di Novecento (Feltrinelli, 1994) e Setta (Rizzoli, 1996) di Alessandro Baricco, ad esempio, oltre ai libri diErri de Luca.

Pensi che l'elemento locale o regionale sia molto importante nella percezione della letteratura italiana da parte del pubblico francese?

Firenze Raut: Sì, penso che sia molto importante. La letteratura francese non ha queste connotazioni regionali così marcate come quelle della letteratura italiana. E il lettore francese è molto interessato alla storia, alle regioni, alla cultura italiana: ne ha voglia capire l'Italia attraverso la sua letteratura.

READ  prima vittoria per Stefano Oldani

Vedete oggi qualche tendenza nella letteratura italiana tradotta in Francia?

Firenze Raut: Mi sembra che in Francia ci siano editori molto diversi che propongono autori italiani, sia grandi editori come Albin Michel o Gallimard, sia editori molto bravi ma più piccoli, come Liana Levi, Métailié, Le Tripode, le Editions du Sous-Sol o la Nuovo Attila. Questi editori traducono diversi libri secondo le proprie linee editoriali, a volte più letterarie e sperimentalea volte focalizzati su modelli già collaudati.

Crediti fotografici: Eugenio Mazzone / unsplash

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *