Il caso Navalny | Decine di paesi condannano la Russia alle Nazioni Unite

(Ginevra) Venerdì più di 40 paesi hanno criticato la Russia davanti al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra (Svizzera) per il trattamento ricevuto nei confronti del principale oppositore del Cremlino, Alexei Navalny, e dei suoi sostenitori.


France Media

In questa dichiarazione congiunta – una misura senza precedenti contro la Russia – i 45 firmatari hanno denunciato il “deterioramento della situazione dei diritti umani e delle libertà fondamentali” che è particolarmente evidente “attraverso la detenzione illegale, l’arresto e la morte”. Prigione del Sig. Alexei Navalny “.

Chiedono il suo “rilascio immediato e incondizionato”, così come il rilascio di “tutti coloro che sono stati detenuti illegalmente e arbitrariamente”.

Alexei Navalny, 44 anni, è tornato in Russia a gennaio dopo un periodo di convalescenza in Germania dopo essere stato avvelenato e accusato dal presidente russo Vladimir Putin.

È stato arrestato all’arrivo e ora sta affrontando la sua prima lunga pena detentiva in quasi un decennio di faide con le autorità.

Foto d’archivio della Reuters TV, Reuters

Alexei Navalny è stato arrestato all’aeroporto Sheremetyevo di Mosca il 17 gennaio.

I firmatari del testo, tra cui Francia, Stati Uniti e Canada, si rammaricano che l’avvelenamento del signor Navalny – con un gas nervino di tipo Novichok, progettato in epoca sovietica, secondo tre laboratori europei – non fosse un argomento. È in corso un’autentica indagine che ritiene che le azioni delle autorità e della giustizia russe siano “inaccettabili e politicamente motivate”.

L’imputato ha detto: “Non sono coerenti con gli obblighi internazionali della Russia di rispettare i diritti umani, compreso il diritto alla libertà e alla sicurezza della persona e il diritto a un processo equo”. Ambasciatore polacco a Ginevra, Zbigniew Cech, a nome del gruppo.

READ  Biden dice che vuole una "dura concorrenza" con la Cina, ma senza lottare

“Siamo particolarmente preoccupati per alcuni recenti emendamenti legislativi e costituzionali che limitano ulteriormente i diritti e le libertà”, ha aggiunto.

Ha detto che i paesi firmatari sono preoccupati per “il gran numero di arresti arbitrari di manifestanti che hanno espresso il loro sostegno al signor Navalny in diverse città russe”.

L’ambasciatore polacco ha avvertito che “tutti gli eventi relativi all’arresto e alla detenzione del signor Navalny, così come la soppressione dei suoi alleati e sostenitori, sono una prova tangibile della contrazione dello spazio della società civile” in Russia.

Ha detto che tali azioni sono “strumenti dello Stato per attaccare i media indipendenti e la società civile e mettere a tacere le voci dissenzienti”.

“Questa dichiarazione è storica quanto la repressione in Russia”, ha detto John Fischer, capo della ONG Human Rights Watch con sede a Ginevra.

“Le autorità russe hanno imprigionato una figura di spicco dell’opposizione e hanno emanato una serie di nuove leggi repressive volte a demonizzare e punire le voci critiche”, ha detto, invitando il Consiglio per i diritti umani a “lavorare per porre fine alla repressione” nel Paese.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *