Il calciatore belga Romelu Lukaku prende di mira le grida razziste a Torino

Il calciatore belga Romelu Lukaku prende di mira le grida razziste a Torino

Il nazionale belga ha pareggiato nel recupero dal dischetto ma è stato subito espulso per doppia ammonizione dopo aver festeggiato il suo gol davanti alla tribuna dei tifosi della Juve con il dito sulla bocca. ” I commenti razzisti nei confronti di Romelu Lukaku da parte dei tifosi della Juventus sono oltremodo spregevoli e non possono essere accettati “, ha stimato in un comunicato stampa Michael Yormark, presidente di Roc Nation Sports International, agenzia di gestione sportiva che gestisce gli interessi di “Big Rom”.

Prima, durante e dopo il rigore, è stato vittima di insulti razzisti ostili e disgustosi. Ha festeggiato nello stesso modo in cui aveva festeggiato i gol prima “, ha aggiunto in questo testo pubblicato sui social.

Romelu merita le scuse della Juventus (…). Le autorità italiane devono sfruttare questa opportunità per combattere il razzismo, piuttosto che punire la vittima “, ha concluso.

Video sui social

L’allenatore del Milan, Simone Inzaghi, non ha accennato agli insulti rivolti a Lukaku dopo la partita. Ma secondo la Gazzetta dello sport, i video diffusi sui social confermano gli insulti razzisti nei confronti dell’attaccante belga.

Nel settembre 2021, il portiere di AC Milan e Francia Mike Maignan è stato oggetto di abusi razzisti durante una partita a Torino contro la Juventus.

Gli incidenti razzisti o antisemiti sono una legione negli stadi italiani. Martedì, Lazio Roma e AS Roma sono state sanzionate per comportamento recente dei propri tifosi, durante il derby di marzo per i laziali e domenica contro la Sampdoria per i giallorossi.

► Da leggere anche: Italia: Kalidou Koulibaly ancora nel mirino di insulti razzisti

READ  Meloni assicura di "non avere problemi con la Francia"

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *