I nomi di Dora e Otis sono stati cancellati dalla lista degli uragani

I nomi di Dora e Otis sono stati cancellati dalla lista degli uragani

Mercoledì l'Organizzazione meteorologica mondiale ha dichiarato che il nome Otis è stato rimosso dalla lista degli uragani che colpiscono l'Oceano Pacifico nord-orientale, come il nome Dora, che ha lasciato brutti ricordi alle Hawaii.

• Leggi anche: Clima: secondo Swiss Re, i rischi meteorologici costano già lo 0,4% del PIL statunitense

• Leggi anche: Il pianeta è “sull’orlo del baratro”, avvertono le Nazioni Unite

Otilio e Deborah verranno utilizzati in questo elenco di nomi, supervisionato dall'Organizzazione meteorologica mondiale (OMM).

È stato istituito per facilitare la comunicazione e avvisare meglio il pubblico sui rischi che si corrono incontrando questi fenomeni meteorologici potenzialmente fatali.

I nomi vengono ripetuti ogni sei anni, a meno che la tempesta non sia così mortale da far ritirare il nome.

È il caso dell’Otis, caduto nell’ottobre del 2023 sulla località turistica di Acapulco in Messico, provocando danni stimati in oltre 3 miliardi di dollari e uccidendo 51 persone.

Otis detiene il record per l'uragano più forte nell'Oceano Pacifico orientale.

Il Comitato per gli uragani dell'OMM ha anche rimosso Dora dal suo elenco di nomi del Pacifico nord-orientale, “non a causa di danni diretti, ma a causa della sensibilità al nome Dora e al ruolo meteorologico indiretto che ha svolto nei devastanti incendi dell'agosto 2023 a Maui, Hawaii”.

Dora è solo il secondo uragano, dopo John nel 1994, ad attraversare tutti e tre i bacini dell'Oceano Pacifico.

L’Organizzazione meteorologica mondiale sottolinea inoltre che, per la prima volta dal 2014, nessun nome è stato rimosso dalla lista del bacino atlantico.

“Il lavoro della Commissione sugli uragani è essenziale per garantire che tutti i residenti della regione del bacino atlantico e del Pacifico orientale siano preparati per la prossima stagione degli uragani del 2024 e per limitare l'impatto di queste pericolose tempeste sulla vita e sulle proprietà”, ha affermato il dottor Michael Brennan. . , Presidente della Commissione Uragani.

READ  Biden, Trump e i segreti dello stato americano

“Sappiamo tutti che il 2023 è stato l'anno più caldo mai registrato. Lo sviluppo di El Niño nel Pacifico ha avuto un ruolo. Ma abbiamo anche assistito a livelli senza precedenti di riscaldamento degli oceani nella zona tropicale del Nord Atlantico”, ha affermato Celeste Saulo, segretario generale della Organizzazione Meteorologica Mondiale e continuerà nel 2024.

Le temperature record dell’Atlantico hanno contribuito ad alimentare una stagione degli uragani superiore alla media nel 2023, fornendo un forte contrappeso agli effetti del tradizionale El Niño.

Questo fenomeno meteorologico naturale tende a ridurre il numero degli uragani ed è giunto alla fine del suo ultimo ciclo.

La stagione degli uragani va dall'inizio di giugno alla fine di ottobre.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *