Haiti | Il bilancio delle vittime della fuga dalla prigione è aumentato a 25, volevano altri 200 prigionieri

(Port-au-Prince) Più di 200 prigionieri sono ancora “attivamente ricercati” dalla polizia di Haiti, dopo la loro fuga giovedì, durante la quale sono state uccise 25 persone, tra cui il direttore della prigione situata alla periferia della capitale, Haiti. Le autorità hanno annunciato venerdì sera.


France Media

La polizia sta lavorando duramente per riaverli. “Alcuni di loro sono legati e non potranno andare lontano”, ha detto venerdì sera Frantz Exantos, Segretario di Stato per le comunicazioni.

In una conferenza stampa questa mattina, il signor Exantus ha spiegato che più di 400 prigionieri, su 1.542, erano fuggiti durante la fuga.

“25 persone sono state uccise, compresi sei prigionieri, e l’ispettore contingente Paul Hector Joseph, che era responsabile della prigione”, ha detto il signor Exantos ai media.

Ha espresso il suo rammarico, dicendo: “Tra i morti c’erano cittadini comuni che sono stati uccisi dai prigionieri mentre erano in fuga”.

Uno dei prigionieri morti a causa della fuga, il capo della banda Arnel Joseph è stato ucciso venerdì durante un controllo di polizia 120 km a nord della prigione di Croix-de-Bouquet, da cui è fuggito il giorno prima.

Arnelle Joseph è stato ucciso mentre attaccava una pattuglia della polizia che ha fermato la motocicletta su cui si trovava. La polizia ha risposto e Arnelle Joseph è morto “, ha spiegato Frantz Exantus.

Accusato di essere il capo di una delle principali reti criminali ad Haiti, Arnel Joseph è stato arrestato nel luglio 2019.

Aveva tentato, senza successo, per la prima volta dal carcere di Croix-de-Bouquet nel luglio 2020, una fuga che era stata annunciata tramite un videoclip pubblicato sui social media pochi giorni prima del tentativo.

READ  Cile | Un agente di polizia è agli arresti dopo l'uccisione di un artista di strada e le proteste che scuotono il Paese

Mentre stava scontando la pena per l’omicidio, Arnelle Joseph era già fuggito due volte da un’altra prigione, a Port-au-Prince, nel 2010 e nel 2017.

Il carcere di massima sicurezza di Croix-des-Bouquets, costruito con i fondi del Canada, è stato aperto nel 2012 e ha una capacità massima di 872 detenuti, sebbene giovedì ne siano ancora detenuti quasi il doppio.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *