Ucraina | Washington mette in guardia Mosca contro un’ulteriore invasione

(Washington) Gli Stati Uniti mercoledì hanno chiesto alla Russia “chiarimenti” sui movimenti “straordinari” delle truppe vicino al confine russo-ucraino, mettendo in guardia Mosca dalla tentazione di commettere un “grave errore” nel riprodurre lo scenario del 2014 che ha dato inizio alla guerra.




“Chiediamo alla Russia di essere chiara sulle sue intenzioni”, ha detto il portavoce del Pentagono John Kirby. Ha descritto “un’attività militare insolita in Russia vicino al confine ucraino”, a causa della “dimensione” e “ampiezza” dei movimenti.

“Non abbiamo chiarezza sulle intenzioni di Mosca, ma conosciamo la sua strategia”, ha affermato il capo diplomatico statunitense Anthony Blinkin a Washington in una conferenza stampa congiunta con il suo omologo ucraino Dmytro Kuleba.

“Ciò che ci preoccupa è che la Russia stia commettendo un enorme errore cercando di ripetere ciò che ha fatto nel 2014, quando ha ammassato le sue forze lungo il confine ed è entrata nel territorio sovrano ucraino, mentre affermava erroneamente di essere stata provocata”, ha aggiunto. “La strategia osservata in passato è quella di provocare provocazioni per giustificare l’attuazione di ciò che avevano pianificato fin dall’inizio”, ha aggiunto.

Tuttavia, “se ci sono provocazioni oggi, vengono dalla Russia, con questi movimenti di forze che vediamo lungo il confine ucraino”.

Quindi Anthony Blinken ha detto che sta seguendo questo “da vicino” in consultazione con gli alleati americani, accogliendo con favore la “notevole moderazione” di Kiev.

Ha ribadito alla sua controparte il sostegno “incrollabile” degli Stati Uniti alla “sovranità, indipendenza e integrità territoriale” dell’Ucraina.

READ  Gordon: tre uomini di colore assolti dall'accusa di tentata rapina 50 anni dopo l'incidente

Da parte sua, il Pentagono ha invitato Mosca a “rispettare gli accordi di Minsk”, che prevedono in particolare la smilitarizzazione del confine russo-ucraino.

I media statunitensi hanno riferito alla fine di ottobre di movimenti di truppe russe vicino al confine ucraino, ma il Pentagono, che in precedenza aveva confermato uno “stretto monitoraggio” del confine, non ha fornito alcun dettaglio.

Il ministro ucraino ha accolto con favore questo sostegno degli Stati Uniti, perché “il modo migliore per scoraggiarsi di fronte all’aggressività della Russia” secondo lui “è dimostrare chiaramente al Cremlino che l’Ucraina è forte, ma anche che ha forti alleati che non lo faranno. Partire solo di fronte all’aggressività sempre crescente di Mosca”.

Ma Kiev ha negato all’inizio di novembre qualsiasi mossa russa insolita.

L’esercito ucraino aveva spiegato che i movimenti segnalati erano “spostamenti di truppe dopo le esercitazioni”, e riteneva che la pubblicazione delle accuse di rafforzamento dell’esercito russo potesse essere un’operazione “psicologica” contro l’Ucraina.

La regione del Donbass, nell’Ucraina orientale, è nel bel mezzo di una guerra dal 2014 che ha provocato oltre 13.000 morti tra le forze di Kiev e i separatisti filo-russi, di cui il Cremlino è un padrino militare nonostante le sue smentite.

La regione rimane particolarmente vulnerabile allo stress. Già lo scorso aprile, l’Occidente era allarmato dal grande dispiegamento di truppe russe al confine, che faceva temere un’escalation.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *