Grecia: una madre uccide le sue tre figlie in tre anni

Grecia: una madre uccide le sue tre figlie in tre anni

Venerdì un tribunale greco ha condannato all'ergastolo una donna di 35 anni, accusata di aver ucciso le sue tre figlie in tre anni, con l'accusa di aver ucciso il figlio maggiore, in un caso che ha scatenato un'ondata di rabbia.

• Leggi anche: Grecia: terremoto di magnitudo 5.7 nel Mar Ionio, nessuna vittima

• Leggi anche: Atene fu invasa da nubi di polvere e sabbia provenienti dal deserto

In custodia cautelare per due anni, Rula Besperiou è stata condannata per omicidio premeditato e tentato omicidio premeditato della figlia maggiore, Georgina, 9 anni, dal tribunale penale di Atene.

In un procedimento separato, avviato dopo la morte di Georgina, la giovane è processata per l'omicidio delle sue altre due figlie, Malina, di 3 anni e mezzo, nel 2019, e Iris, di 6 mesi, nel 2021.

Il 29 gennaio 2022 ha avvelenato Georgina somministrandole ketamina, una sostanza utilizzata principalmente in chirurgia veterinaria come anestetico e sedativo.

Al momento della sua morte, Georgina si ritroverà nel suo ospedale o avrà più influenza sul suo cuore a causa di convulsioni che causeranno un grave laissez-faire nell'aprile 2021. C'è giustizia come inizio giornata, alla fine, il tenda più disponibile per la giornata Sua figlia.

La seconda figlia, Malina, fu inizialmente dichiarata morta per insufficienza epatica, e Iris, per arresto cardiaco. Ma nuovi accertamenti effettuati dopo la morte sospetta di Georgina hanno rivelato che sono morti per soffocamento.

La signora Besperigo, un'infermiera di formazione, soprannominata “la Media moderna” dai media greci o “la Media di Patrasso”, la città da cui proveniva nella Grecia occidentale, ha dichiarato la sua innocenza durante tutto il processo. Nel gennaio 2023.

READ  I ristoranti di New York possono riaprire al chiuso il giorno di San Valentino

Questo presunto triplice omicidio, in un paese in cui un crimine del genere è considerato abbastanza raro, ha suscitato indignazione e una significativa copertura mediatica.

Il governo greco ha dovuto invitare alla “calma” di fronte alle richieste di omicidio rivolte contro Rula Besperiou.

Poco dopo il suo arresto, la polizia antisommossa è stata schierata davanti al tribunale di Atene, mentre la folla urlante gridava “Assassino, confessa il tuo crimine!”

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *