I doganieri belgi hanno distrutto più di 2.350 lattine di birra americana

I doganieri belgi hanno distrutto più di 2.350 lattine di birra americana

Non si scherza con il nome ‘Champagne’: una spedizione di 2.352 lattine di birra statunitense con la scritta “Champagne Beers” è stata distrutta dalla dogana in Belgio, in quanto costituisce una violazione della denominazione di origine protetta, Champagne, il ha annunciato martedì la commissione che rappresenta i viticoltori francesi.

• Leggi anche: Anheuser-Busch perde 5 miliardi di dollari dopo aver collaborato con una donna transgender

La spedizione Miller Hi Life è stata intercettata all’inizio di febbraio nel porto di Anversa. Sulla scia di questo sequestro da parte delle dogane belghe, la Commissione dello Champagne – un’organizzazione professionale che riunisce case vinicole e coltivatori di Champagne e uno dei suoi ruoli fondanti è proteggere l’etichetta dello Champagne in tutto il mondo – “ha chiesto la distruzione delle merci con etichetta illegale”, ha affermato. spiegato in un comunicato

“Il destinatario della merce è stato informato in Germania e non ha presentato ricorso contro questa decisione”, ha precisato il Comitato Champagne.

Questa distruzione, avvenuta lunedì a Ypres, “è stata il risultato di una proficua collaborazione tra le autorità doganali belghe e i servizi della Commissione Champagne.

Conferma l’importanza che l’Unione Europea attribuisce alle denominazioni di origine e premia la determinazione del popolo dello Champagne a proteggere le proprie denominazioni”, ha accolto Charles Guimier, direttore generale della Commissione Champagne, nel comunicato stampa.

READ  Ecco 6 punti di svolta a cui l’umanità si sta avvicinando

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *