Gli ucraini appassiscono il “Ponte Putin”

Poche ore dopo una grande esplosione Il ponte strategico che collegava la Russia alla Crimea è stato distruttoUna raffica di missili Si è schiantato in una zona residenziale di Zaporizhia, almeno 17 persone sono state uccise. Non c’è dubbio che altri siano ancora intrappolati sotto le macerie.

Questo è un crimine di guerra. Non ci sono obiettivi militari nelle vicinanze. Il presidente Zelensky ha definito lo sciopero russo “assolutamente malvagio, assolutamente diabolico”, aggiungendo: “Ce n’erano già migliaia, e sfortunatamente potrebbero essercene altre migliaia”.

I russi continuano a prendere di mira la cittadina di 800.000 persone, a 50 chilometri dalla centrale nucleare. Alla fine di settembre, un raid russo su un convoglio di veicoli in fuga dalla regione di Zaporizhzhya ha ucciso almeno 30 persone, per lo più anziani, donne e bambini, e ne ha ferite altre 88.

L’Ucraina accusa la Russia di rappresaglie contro i civili mentre le sue forze armate subiscono catastrofiche battute d’arresto sul campo di battaglia.

Putin incolpa gli ucraini

Putin accusa l’intelligence ucraina di essere dietro l’esplosione, sostenendo che l’esplosione “Atto terroristico” contro le grandi infrastrutture. È un insulto personale per lui. Ha ordinato la costruzione del ponte per garantire un collegamento diretto tra la Crimea e la Russia e ne ha presieduto l’apertura nel 2018.

Lo scorso aprile, il Cremlino non ha incolpato l’Ucraina per l’attacco all’incrociatore missilistico Moskva, l’ammiraglia della flotta russa del Mar Nero, dicendo che si è trattato di un’esplosione accidentale a seguito di un incendio accidentale che lo ha affondato.

L’Ucraina non ha ufficialmente rivendicato la responsabilità dell’esplosione, ma il New York Times ha riferito che un alto funzionario ucraino ha affermato che i servizi di intelligence ucraini erano coinvolti nell’operazione.

READ  Processo per omicidio Ahmed Arbery: la difesa è stata turbata dalla presenza di "preti neri"

Poco dopo l’eruzione del ponte, blogger e analisti militari radicali russi hanno chiesto una risposta rapida e brutale da Mosca.

Un corrispondente di guerra del tabloid Komsomolskaya Pravda ha invitato la Russia a “riportare l’Ucraina al XVIII secolo, senza pensare indebitamente a come ciò influenzerà la popolazione civile”.

L’esplosione non interromperà in modo permanente importanti comunicazioni stradali dalla Russia alla Crimea, ma complicherà la logistica russa fino a quando il ponte non sarà riparato. Ulteriori controlli di sicurezza sui veicoli di passaggio ritarderanno il movimento di equipaggiamento e personale militare in Crimea.

Generale corrotto e brutale

L’esplosione del ponte è una grave battuta d’arresto per Mosca, sia simbolica che militare. Né è di buon auspicio per i già turbolenti sforzi di Mosca di mantenere la regione di Kherson nell’Ucraina meridionale e la stessa Crimea.

Putin ha nominato un altro nuovo generale per guidare le sue forze in Ucraina. Il generale Sergei Surovkin è stato in prigione due volte. Uno per aver venduto armi e l’altro per aver condotto una brutale repressione dei manifestanti pro-democrazia durante il fallito tentativo di colpo di stato del 1991 a Mosca che ha provocato la morte di tre di loro.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.