8000 km da Roxham Street

Delle migliaia di migranti che hanno attraversato la Roxham Route dall’inizio dell’anno, alcuni sono partiti dalla giungla tropicale e hanno dovuto percorrere fino a 8.000 chilometri per raggiungere il Quebec, rischiando la vita.

È il caso di due uomini incontrati dal nostro FBI qualche mese fa, a Panama, e che nelle ultime settimane sono riusciti a raggiungere la provincia.

“Durante il mio viaggio ho affrontato molte difficoltà. È un viaggio pericoloso. Se la grazia di Dio non è con te, non sarai in grado di sopravvivere”, testimonia Kingsley, originario della Nigeria, quando si è incontrato a Montreal. Ad aprile ha lasciato il Brasile per viaggiare attraverso l’America. Destinazione: Canada.

Navigando in Internet, ha scoperto che il posto migliore per entrare nel Paese era Roxham Road.

Prince, un altro immigrato, dice di essere quasi morto di fame e di sete mentre attraversava il fiume Darien, una zona selvaggia a Panama.

Esattamente quando è uscita da questa foresta – che è nota per essere molto pericolosa – il team di JE ha continuato a riferire sui gravi ostacoli che questi migranti devono affrontare.

Alcuni, come Prince e Kinglsey, alla fine riuscirono ad attraversare Roxham Road. Altri sono ancora bloccati da qualche parte negli Stati Uniti o in America Latina, per mancanza di fondi o in attesa del permesso del governo.

Ascolta l’intervista con Denis Thirault nello show Filippo Vincent Foissy Trasmissione in diretta tutti i giorni tramite Radio QUB:


Molti dei migranti che abbiamo seguito se ne sono andati perché non potevano più sfamare le loro famiglie. Altri sono fuggiti dalla persecuzione delle loro comunità o dai matrimoni forzati.

READ  Scontri a Gerusalemme | Benjamin Netanyahu chiede "calma"

Spesso avevano un’idea astratta della rotta che intendevano intraprendere verso nord, e anche della loro destinazione finale.

Per tentare di arrivarci hanno dovuto attraversare i confini di decine di paesi, a piedi o in autobus, nella speranza di una vita migliore nel nord del continente.

Inoltre, questo viaggio è tutt’altro che gratuito: devi pagare per attraversare determinati confini, pagare i trasporti, il vitto e l’alloggio.

Per non parlare dei banditi che attaccano furtivamente e privano i viaggiatori dei loro preziosi dollari.

Alcuni dovranno persino frenare il loro viaggio per lavorare e raccogliere fondi. Anche altri vengono intercettati dalle autorità e detenuti per attraversamento illegale della frontiera in cerca di una vita migliore.

In collaborazione con Maud Potet

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.