Gli esperti dicono che ci sono barriere di salute mentale per i giovani uomini neri

Gli esperti dicono che ci sono barriere di salute mentale per i giovani uomini neri

TORONTO – I giovani neri in Canada devono affrontare molti ostacoli nell’accesso ai servizi di salute mentale – e gli esperti dicono che gli operatori sanitari a volte peggiorano le cose.

Sabato a Toronto si è tenuta una conferenza di medici di famiglia, infermieri, psichiatri, psicologi, assistenti sociali e altri professionisti sanitari per affrontare questi problemi e aiutarli a fornire cure culturalmente più rispettose. È organizzato dall’Ontario Black Doctors Association.

“I giovani neri sperimentano il sistema di salute mentale in modo molto diverso rispetto alle altre razze”, ha affermato la dottoressa Mojola Omole, presidente della società e chirurgo generale di Toronto.

“Parte di questo è il razzismo anti-nero e i pregiudizi impliciti”, ha detto Omole, che sta anche lavorando con il Canadian Medical Association Journal per affrontare questi problemi nell’assistenza sanitaria.

Ha detto che molti giovani neri hanno subito traumi, a volte legati al razzismo o alla discriminazione, che possono influenzare la loro salute mentale e il modo in cui si esprimono.

“Ciò che può sembrare indifferenza è un segno di problemi reali”, ha detto Omole.

Mogala Omole ha detto che se i giovani neri parlano ad alta voce, spesso viene erroneamente visto come un’aggressione, sottolineando che è qualcosa che ha osservato personalmente nell’ospedale dove lavora.

La dottoressa Amy Gajaria, psichiatra infantile e adolescenziale presso il Centro per le dipendenze e la salute mentale di Toronto, concorda sul fatto che i giovani neri vengono spesso fraintesi e diagnosticati erroneamente.

“Gli operatori sanitari hanno molti stereotipi e, sai, potremmo avere pregiudizi inconsci interiorizzati nei confronti dei bambini neri e delle loro famiglie”, ha detto Gajaria, che non è nera.

“Gli adolescenti che soffrono di depressione e ansia possono essere molto nervosi”, ha continuato.

READ  "La scienza e l'esperienza della corsa sono un risultato eccezionale di Wout van Aert"

Tra i giovani di colore, secondo la signora Gajaria, i professionisti della salute mentale hanno maggiori probabilità di fare una diagnosi di ansia, depressione o trauma.

La realtà sarà molto diversa per i giovani neri.

“[Les cliniciens] Vedono rabbia, vedono irritazione e si fermano qui. Quindi la loro diagnosi è cose come l’ADHD, disturbo oppositivo provocatorio, che ferisce davvero i bambini.

La signora Gajaria è preoccupata anche per la difficile situazione dei giovani neri che non ricevono alcun trattamento di salute mentale perché ci sono “un milione di barriere da superare in una comunità”. [centre de soins psychiatriques]”.

I giovani neri aspettano molto più a lungo degli altri pazienti per ricevere cure di salute mentale, ha affermato Teonda Fanti Coleman, ricercatrice del Pathways to Care Project.

La signora Fanti Coleman, intervenuta sabato alla conferenza, ha citato uno studio canadese del 2015 che mostrava che i bambini neri e i giovani di origine caraibica aspettavano in media 16 mesi per ricevere cure di salute mentale, rispetto ai sette mesi dei pazienti bianchi.

Ci sono diverse ragioni per questo, incluso il fatto che i giovani neri potrebbero dover affrontare maggiori barriere finanziarie o carenze di personale nella loro zona, ha detto Fante Coleman.

Fanti Coleman ha affermato che in Canada c’è un grande bisogno di maggiori dati basati sulla razza per migliorare l’assistenza ai giovani neri.

“Abbiamo pochissimi dati sull’incidenza e sulla prevalenza delle malattie mentali [par exemple la dépression, l’anxiété et la schizophrénie] all’interno della popolazione nazionale”.

I contenuti sanitari della stampa canadese ricevono finanziamenti attraverso una partnership con la Canadian Medical Association. La stampa canadese è l’unica responsabile delle selezioni editoriali.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *