Giro d’Italia – Valter: “Venerdì scorso ho consegnato la mia memoria”

Il 22enne ungherese Attila Valter sarà all’inizio del suo secondo Giro d’Italia (8-30 maggio). Se inizialmente avrebbe dovuto proteggere il suo leader Thibaut Pinot, prima che quello rinunci a prendere il via, il vincitore del Tour dell’Ungheria 2020 sarà ora in grado di giocare la propria carta sulle ripide fasi di questo 104e Tour. Un’ambizione più che raggiungibile per chi ha conquistato il 27 ° posto nella gara della maglia rosa la scorsa stagione. Tanto più che il corridore del Groupama-FDJ vede ora la fine dei suoi studi. In montagna, al suo fianco, potrà trovare con lui due corridori esperti Rudy Molard e Sébastien Reichenbach.

Video – In assenza di Pinot, Valter punterà alle tappe del Giro

“Mi sento pronto per affrontare le 21 tappe”

Nei commenti riportati dalla sua formazione, Valter tornato alla sua vita di ciclista e studente : “Venerdì scorso, ho consegnato la mia tesi finale, il tema era: dispositivi connessi e applicazioni al servizio delle prestazioni ciclistiche. Per me è stato molto importante portare avanti questo duplice progetto di studio e ciclismo. Presto mi laureo e è una sicurezza, sono sollevato di averlo restituito prima dell’inizio del Giro, ora sono concentrato al 100% sull’evento.L’anno scorso temevo le tre settimane e le tappe lunghe, avevo sofferto a volte. Oggi mi sento pronto per affrontare le 21 tappe, so cosa aspettarmi! Non vedo l’ora di vivere questa esperienza con lo staff ei piloti della squadra. Voglio renderli orgogliosi, questo è il mio obiettivo più grande “, disse il nativo di Csömör.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *