Giro d’Italia: Lafaye conquista la prima vittoria da professionista | Gli sport Quotidiano

In assenza dell’italiano Elia Viviani, finora confinato ai posti d’onore negli sprint, la squadra di Covedes ha brillato grazie a uno dei suoi giovani, il 25enne savoiardo, che si è dimostrato più forte di un gruppo. Nove passeggeri dopo aver scalato 3 chilometri fino alla fine.

Per diventare il 43esimo corridore francese a vincere la tappa del Giroux, Lafaye ha dovuto superare Nelson Oliveira, il brillante fantino. Il portoghese aveva già visto il francese avanzare il mese scorso, conquistando il primo posto al Tour de Valence poiché Lafay ha perso solo lo spagnolo Enric Mas.

“Oliveira mi guardava, ci siamo distinti un po ‘tutti e due”, ha sorriso oggi il vincitore, che ha saputo correre abilmente all’interno del gruppo che si era formato dopo una cinquantina di chilometri in una tappa lanciata a tutta velocità. Tanta forza da scoraggiare il runner australiano Caleb Ewan che ha preferito lasciare la gara il giorno dopo il successo nella seconda tappa.

“Volevo essere davanti e mettermi in quasi tutti i colpi che venivano fuori, ho lasciato molte energie lì. Dopo di che ho cercato di salvarmi”. Lavaye, che ha poi aspettato la parte più ripida, ha spiegato nel ultimi 3 chilometri, ad attaccare e sorpassare l’italiano Giovanni Carboni, partito sul filo del rasoio, fortunatamente Peloton ci ha lasciati andare.

Walther: Oggi è in pericolo

Così, il francese ha confermato il talento di Glances nella categoria della speranza quando è arrivato secondo all’Europeo 2018, dietro allo svizzero Marc Hershey. “È un bel ricordo anche se è un po ‘sconfitto”, ricorda, che si è preparato per la gara con la sua vittoria da ciclo, L’Étape du Tour di pochi giorni fa.

READ  Pennsylvania is adding seven new students from its 2021 recruitment class this weekend

Il primo concorrente Cofidis a vincere il Giro da Damien Monier nel 2010, Lafay ha portato alla squadra francese il suo quinto successo in questa stagione, il primo a livello WorldTour. Ma anche il terzo in tre giorni, in una settimana gioiosa per il gruppo, guidato da Cedric Vasore.

Nella recente salita di questa tappa di 170 chilometri dalla Puglia alla Campania passando per il Molise, senza intaccare la vetta della classifica generale, molti alpinisti hanno perso tempo sul versante che porta alla fine. Tra gli altri sono caduti l’australiano Jay Hendley, lasciato dai favoriti per 12 secondi, e lo spagnolo Bilo Bilbao, scivolando a una trentina di secondi.

Il Quebec Antoine Duchesne, compagno di squadra di Walther per Grouporama FDJ, è arrivato 126 ° nell’evento. Walther ha concluso comodamente in gruppo mantenendo un vantaggio di 11 secondi sul Remco Evenepoel nella classifica generale. Egan Bernal è arrivato terzo con un tempo di 16 secondi.

Duchesne è classificato 155.

Domenica, la nona tappa, la più dura della prima settimana in teoria, consiste in tre salite sul Monte Abruzzo tra Castel de Sangro e Rocca de Cambio (158 km). Prima dell’ultima salita (6,6 km) e di altri 1.600 metri ormeggiati su pista sterrata presso la località di Campo Felice, dove in più occasioni è venuto a sciare Papa Giovanni Paolo II.

L’ungherese Attila Walther rischia di rinunciare alla sua maglia rosa. Il belga Rymco Evenbuell, in 11 secondi, e il colombiano Egan Bernal, in 16 secondi, sono molto vicini in classifica.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *