Gaza: le possibilità di un attacco a Rafah sono “terrificanti”, secondo le Nazioni Unite

Gaza: le possibilità di un attacco a Rafah sono “terrificanti”, secondo le Nazioni Unite

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha affermato che la possibilità che l’esercito israeliano lanci un “vero” attacco a Rafah, nell’estremo sud della Striscia di Gaza, dove vivono centinaia di migliaia di rifugiati palestinesi, è “terrificante”.

• Leggi anche: Gaza: Borrell suggerisce che gli Stati Uniti forniscano meno armi a Israele

• Leggi anche: Chi sono i 130 ostaggi, vivi o morti, ancora detenuti a Gaza?

• Leggi anche: La corte ha ordinato ai Paesi Bassi di interrompere la consegna di parti di aerei F-35 a Israele

Volker Türk ha dichiarato in una nota: “Dato il massacro avvenuto finora a Gaza, possiamo solo immaginare cosa accadrà a Rafah”.

Ha detto: “La possibilità di un'incursione militare totale a Rafah – dove circa 1,5 milioni di palestinesi sono radunati al confine egiziano senza nessun posto dove scappare – è terrificante”, sottolineando “la possibilità che un gran numero di civili, soprattutto bambini, saranno Là.” “E le donne hanno maggiori probabilità di essere uccise e ferite”.

La guerra è scoppiata il 7 ottobre dopo un attacco senza precedenti da parte dei commando di Hamas che si sono infiltrati da Gaza nel sud di Israele, uccidendo più di 1.160 persone, la maggior parte delle quali civili, secondo un conteggio condotto dall'Agence France-Presse sulla base di dati ufficiali israeliani.

Secondo il Ministero della Sanità di Hamas, l’attacco israeliano ha provocato la morte di 28.340 persone nella Striscia di Gaza, la stragrande maggioranza dei quali civili.

Anche l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha espresso preoccupazione per l'impatto dell'attacco a Rafah sugli aiuti umanitari da cui dipendono i palestinesi.

READ  Il Cremlino “spera” che il Congresso americano blocchi gli aiuti all’Ucraina

“Questa incursione a Rafah potrebbe anche significare la fine dei pochi aiuti umanitari che arrivano e vengono distribuiti, il che avrebbe conseguenze disastrose per tutta Gaza, comprese centinaia di migliaia di persone a rischio di fame e di morte. ,” Egli ha detto.

Ha aggiunto: “Il mondo non deve permettere che ciò accada”, chiedendo “un cessate il fuoco immediato”.

Türk chiede anche il rilascio di “tutti gli ostaggi rimasti”.

Israele stima che circa 130 ostaggi siano ancora detenuti a Gaza, di cui 29 ritenuti morti, delle circa 250 persone rapite in Israele il 7 ottobre. La tregua di una settimana di novembre ha consentito il rilascio di 105 ostaggi e 240 palestinesi detenuti da Israele.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *