Eredità tra Italia e Francia: domande e risposte chiave

Le successioni transfrontaliere, in particolare tra Italia e Francia, sono spesso molto complesse e delicate. Concentrati sulle questioni più frequenti in questo campo.

Perché vale la pena scrivere un testamento italiano?

Vale sicuramente la pena fare un testamento italiano se possiedi una proprietà in Italia. L’eredità sarà soggetta alla legge italiana, il che significa che tutti i testamenti relativi a proprietà in Italia devono essere pubblicati presso un notaio italiano. Un notaio italiano non può ricevere un testamento redatto in lingua straniera. Pertanto, qualsiasi testamento che non sia italiano deve avere una traduzione giurata in italiano. Ciò causa problemi e comporta dei costi. Si deve inoltre presumere che la volontà non debba violare la legge italiana. Ecco perché è più facile e probabilmente più vantaggioso scrivere un testamento in italiano.

Ho sentito che in Italia ci sono “eredi riservati”. Quindi come posso essere sicuro che la mia proprietà andrà a chi voglio?

Secondo la legge italiana, una quota di successione è riservata ai familiari stretti, come figli e coniugi. In linea di principio, queste persone non possono essere escluse dalla successione, se non a determinate condizioni molto rigorose. Se intendi escludere un erede riservato dal tuo testamento, ti consigliamo vivamente di assumere un avvocato italiano per assicurarti che i tuoi desideri siano rispettati.

Quando un familiare muore, l’imposta di successione è l’unica imposta dovuta in Italia?

L’imposta di successione non è l’unica imposta dovuta. In realtà, gli eredi devono pagare anche l’imposta di trascrizione e catastale, corrispondenti rispettivamente al 2% e all’1% (calcolato sul valore catastale) di ogni bene ereditato.

In che modo la mia situazione familiare influisce sui miei diritti di successione in Italia?

Se sei sposato, avrai diritto all’eredità come “erede riservato”. Secondo la legge italiana, non puoi essere escluso dall’eredità della quota a te riservata.

READ  Bonetti a Tgcom24: "Un governo serio dovrebbe chiedere scusa per la scuola"

Se sono un cittadino straniero (non italiano) e possiedo proprietà in Italia, qual è la legge applicabile al mio patrimonio?

Il diritto di successione può dipendere dalla tua nazionalità e residenza ufficiale, ma la procedura di successione relativa ai tuoi beni in Italia sarà regolata dalla legge italiana. Per chiarezza, se possiedi un cespite in Italia, dovrai pianificare la successione in Italia.

È possibile disporre solo di alcuni dei miei beni con la redazione del testamento?

Sì. I beni riportati nel testamento saranno ereditati dagli eredi menzionati nel testamento. Il resto del patrimonio italiano andrà agli eredi legittimi, ovvero agli eredi determinati dal diritto successorio italiano.

Io e il mio compagno non siamo sposati e il mio compagno ha acquistato proprietà in Italia solo a suo nome; cosa succederà a questa proprietà quando morirà?

Se il proprietario legale muore senza lasciare un testamento italiano, la proprietà sarà ereditata secondo le regole della successione legale italiana. Queste regole non prendono in considerazione i partner in convivenza.

Chi devo contattare se decido di redigere un testamento italiano?

Dovresti contattare un avvocato italiano bilingue o un notaio bilingue.

Chi paga l’imposta di successione?

Le parti che hanno l’obbligo di pagare l’imposta di successione sono gli eredi e hanno una responsabilità comune per il pagamento di tale imposta. Se uno degli eredi paga tutte le tasse per conto di tutti gli eredi, il beneficiario avrà il diritto legale di essere rimborsato dagli altri eredi, su richiesta delle autorità fiscali italiane.

Devo redigere un testamento italiano per il mio immobile in Italia?

Si raccomanda vivamente di redigere un testamento italiano con l’aiuto di un avvocato italiano per limitare le conseguenze della “successione legale”. La “successione legale” si applica quando il defunto non ha lasciato il testamento, e in questo caso la legge italiana determina quali genitori del defunto hanno diritto a succedergli (primo il coniuge, i figli legittimi e naturali, e gli ascendenti). In mancanza di eredi, secondo la legge italiana, il patrimonio ereditario presente in Italia è attribuito allo Stato italiano.

READ  Bollettino Coronavirus Italia: morto, contagiato, guarito il 29 novembre. AssoCareNews.it

Quali sono i diritti di un partner sposato, un partner separato e un partner divorziato?

Un partner sposato e un partner separato hanno esattamente gli stessi diritti, un partner separato non perde i suoi diritti di eredità, come se fosse ancora sposato. D’altra parte, dopo un divorzio tutti i diritti di successione vengono annullati.

Quali sono i beni dell’eredità che sono esenti da imposta?

Spese mediche e funerarie sostenute per il defunto. I titoli di stato italiani (buoni del tesoro, certificati di credito del tesoro e altri), le polizze di assicurazione sulla vita e le auto immatricolate a nome del defunto non sono soggette a imposta.

A causa della complessità e tecnicità dell’argomento, questo articolo non risponde a tutte le possibili domande sull’argomento; è quindi consigliabile consultare un esperto in eredità tra Italia e Francia, al fine di ottenere le informazioni necessarie specifiche per il tuo caso.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *