Elezioni presidenziali in Siria il 26 maggio, le preferite di Assad

Il parlamento siriano ha annunciato, domenica, che il 26 maggio si terranno le elezioni presidenziali in Siria, le seconde dall’inizio della guerra che ha devastato il Paese, guidata da Bashar al-Assad due decenni fa.

Il 55enne capo dello stato non ha ancora annunciato la sua candidatura. Ha preso il potere nel 2000 dopo la morte di suo padre, Hafez al-Assad.

Bashar al-Assad è stato rieletto nel 2007 e poi nel 2014 per un mandato di sette anni, ed è facile vincere un quarto mandato e, in assenza di una seria concorrenza, la guerra è iniziata nel 2011 senza minare il suo potere.

Il presidente del parlamento Hammouda Sabbagh ha dichiarato in una sessione straordinaria che la data delle elezioni è stata fissata il 26 maggio per “i cittadini siriani residenti in territorio siriano”.

Ha detto che i siriani che vivono all’estero voteranno nelle loro ambasciate il 20 maggio.

Ha detto che da lunedì le candidature possono essere presentate alla Corte Costituzionale Suprema, per un periodo di dieci giorni.

Per partecipare alla gara, i candidati devono ottenere le firme di 35 deputati in conformità con la legge elettorale.

Nel 2014 Assad ha vinto il ballottaggio con oltre l’88% dei voti. I suoi unici due contendenti erano estranei, che erano ampiamente visti come clienti.

La legge elettorale impedisce la candidatura di esponenti dell’opposizione in esilio: ogni candidato deve “aver vissuto in Siria per 10 anni consecutivi al momento della presentazione della candidatura”.

– “Né libero né equo”

Le elezioni si terranno nelle zone della Siria controllate dal governo di Damasco, che controlla i due terzi del Paese diviso.

READ  Michel Borlett, ex procuratore Dutros: 'Non sono mai stato un cospiratore'

Di conseguenza, Idlib, l’ultima grande roccaforte jihadista dei ribelli nel nord-ovest, continua a sfuggire all’autorità di Assad.

Il nord-est ha un’amministrazione semi-autonoma controllata dai curdi, alleati dell’Occidente.

Un file di foto di Bashar al-Assad sull’autostrada tra Aleppo e Damasco in Siria, durante una visita organizzata dal Ministero dell’informazione siriano il 18 febbraio 2020 (AFP / Archivi – LOUAI BESHARA)

Negli ultimi anni, grazie al sostegno militare di Mosca e Teheran, la forza di Bashar al-Assad ha vinto vittorie contro i ribelli indeboliti.

Ma le infrastrutture stanno crollando e l’economia è crollata, sotto l’influenza delle sanzioni occidentali e degli effetti della crisi finanziaria nel vicino Libano, secondo le autorità, mentre la moneta nazionale sta assistendo a un declino senza precedenti.

Entro un decennio, gli sforzi diplomatici sponsorizzati dalle Nazioni Unite non erano riusciti a trovare una soluzione negoziata al conflitto, mentre l’opposizione politica si indeboliva in esilio.

A metà marzo, cinque potenze occidentali hanno criticato lo svolgimento di elezioni presidenziali in Siria, prevedendo che non sarebbero state “libere né eque”.

In una dichiarazione congiunta, Stati Uniti, Francia, Germania, Italia e Regno Unito hanno affermato: “Qualunque sia il processo politico, che richiede la partecipazione di tutti i siriani, compresi i membri della diaspora e gli sfollati, in modo che tutte le voci siano ascoltate. “

Il testo, che è stato pubblicato a margine di una riunione del Consiglio di sicurezza dell’Onu, è uscito: “Le elezioni presidenziali siriane previste per quest’anno non saranno né libere né eque, né dovranno portare ad alcuna normalizzazione internazionale del regime siriano. “

Il conflitto, innescato dalla sanguinosa repressione delle proteste a favore della democrazia, è cresciuto negli anni in complessità con il coinvolgimento di potenze straniere e l’aumento di fazioni armate e gruppi jihadisti.

READ  The New York Health Network is facing a criminal investigation into an unauthorized vaccine for COVID-19

La guerra ha causato la morte di oltre 388.000 persone e ha messo milioni sulla strada per sfollati di massa, rifugiati all’estero o sfollati interni nei campi impoveriti in Siria.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *