E se la gastronomia transalpina fosse solo una grande bugia?

E se la gastronomia transalpina fosse solo una grande bugia?

Tra la Francia, dove è cresciuto, e l’Italia, da dove proviene la sua famiglia, a Marco il teatro non manca. Quindi non è una sorpresa vederlo soffocare nel menu dei dessert del ristorante. Casa blu. “Tiramisù Nutella? !!! I miei antenati del Rital si rivolterebbero nella tomba…” Tuttavia, con tutto il rispetto per gli antenati di Marco, se fossero stati vivi, si sarebbero chiesti cosa fosse un tiramisù piuttosto che essere sconvolti nel vedere la Nutella lì. E per una buona ragione , questo piatto, servito come uno dei pilastri di LaBute, nei libri di cucina solo negli anni ’80.

Un dessert che illustra il dolce inganno in cui si diletta la gastronomia italiana. Chi non ha mai sentito dire che non bisogna assolutamente mettere la crème fraîche nella carbonara? O che in Italia nessuno beve cappuccino dopo le 11? Le ricette italiane sono una tradizione secolare, dove il minimo cambiamento negli ingredienti è considerato un sacrilegio. Ma in realtà la maggior parte di loro era sconosciuta a La Butte prima degli anni ’60. La prima ricetta della carbonara, ad esempio, risale al 1954. Viene da Chicago.

“Preoccupazione eccessiva per la purezza della ricetta.”

Poiché non si è mai meglio traditi che traditi, è stato proprio l’italiano a decidere di rivelare la verità. Lui è Alberto Grandi, accademico e autore di libri Denominazione d’origine dell’inventore ( “Denominazione d’Origine Inventata”, non tradotto in Francia, 2018) e il suo podcast DOI, su questo grande mistero Se esiste il successo di pubblico, Alberto Grande lo è quasi diventato Persona indesiderata Nel suo paese. Questo perché non attacchiamo impunemente la narrazione gastronomica.

READ  L'Unione Europea ripristina la sua presenza umanitaria in Afghanistan - rts.ch

“Non parlerò della cucina italiana come una bugia”, difende Beniamino Morante, giornalista responsabile per l’Italia Posta internazionale. Piuttosto, c’è un’esagerazione nell’attenzione alla purezza della ricetta. » Lui stesso ha condotto la campagna “E se la pizza non fosse italiana?” » [mai 2023]che prende spunto da un articolo in Financial Times, È andato a incontrare Alberto Grande.

I piatti della mamma non sono quello che pensi

Pensare che negli anni del dopoguerra un’Italia devastata stentasse a trovare i tempi di cottura della pasta è puro anacronismo. “La priorità era mangiare; Nathalie Louisgrand, educatrice culinaria e ricercatrice presso la Grenoble School of Management, ricorda che i residenti, che erano molto poveri, si accontentavano di quello che avevano.

A Benjamino Morante non resta che chiedere alla mamma settantenne i piatti della sua infanzia. “Le pizze erano pochissime”, racconta 20 minuti. Dice un residente di Grosseto, cittadina di 80.000 abitanti della Toscana: “Vedere una pizzeria era strano allora come lo è oggi un ristorante di sushi”. Negli ultimi decenni del Novecento, sulla spinta del miracolo economico italiano.

Mancanza di patria e santità dello stomaco

“È stata l’industrializzazione di massa a portare a questa proliferazione”, ricorda Nathalie Louisgrande. Gran parte del cibo popolare era inizialmente altamente industriale, in particolare il gelato, prima di diventare più artigianale negli ultimi tempi. E a proposito di delitti di lesa maestà: mamma Morante ricorda di aver mangiato la carbonara con la crème fraîche in un ristorante in Italia. Il coraggio di Beniamino.

Resta una domanda: come può una leggenda grande come Babbo Natale fare così bene? Indipendentemente dal paese d’origine, se c’è una cosa che può essere facilmente sopravvalutata è il cibo, dice Nathalie Louisgrande. Esempio in Francia con il dibattito (stanco) sul “cioccolato o dolore al cioccolato”. Per tornare in Italia, l’immigrazione di massa – la diaspora italiana è la seconda più grande al mondo dopo l’immigrazione dalla Cina – ha contribuito ad alimentare questo mito. “Quando un francese vive all’estero, ciò che gli manca di più sono i prodotti: il camembert, il pane, il foie gras… Tuttavia, i cibi italiani sono ormai ovunque, come il parmigiano. Queste sono le ricette che verranno canonizzate”, spiega. Beniamino Morante.

READ  L'alleanza di destra promette unità dopo il tradimento del Senato - EURACTIV.com

Una bugia troppo bella per essere vera

Per non parlare del fatto che la cucina italiana ha assunto uno stile elegante. La cosa non sorprende Pierre-Louis Deprez, esperto di innovazione e marketing: “L’Italia è un paese di cultura del lusso: vestiti, automobili, scarpe, quadri… È riuscita a presentare e vendere il suo cibo in questo modo. La Spagna, ad esempio, non potrebbe fare lo stesso. »

Questa venerazione non è necessariamente un male, secondo Beniamino Morante: “L’interesse per il cibo è più importante in Italia che in altri Paesi. Basti pensare al calo del numero dei ristoranti McDonald’s rispetto alla Francia o al fallimento di Domino’s Pizza. Il cibo resta motivo di orgoglio, nella ferma convinzione che esista la migliore cucina del mondo. “.

Ecco la chiave del successo di questa menzogna: la storia raccontata è troppo bella per essere accettata. “È più interessante che dire che gli italiani mangiano patate e fagioli”, spiega Nathalie Louisgrande. “Fa bene al turismo, fa bene all’orgoglio nazionale e fa bene al piatto dire qualcosa, anche se è una bugia.” Bene Marco, il mondo ha bisogno di credere alle tue storie. Ma il mondo ha bisogno anche di un tiramisù alla Nutella.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *