Dybala il romano è già tornato a Torino

Paulo Dybala è già tornato a Torino sabato (18:30), con una nuova maglia e rinnovate ambizioni, per prolungare l’impeccabile inizio di stagione della Roma e regalare alla Juventus i rimpianti, che alla fine lo hanno lasciato. dalla scorsa stagione.

“Abbiamo passato anni straordinari. È stato alla Juve che è cresciuto ed è diventato il giocatore che è… Sarà un avversario, ma è un piacere rivederlo”, ha assicurato l’allenatore del Torino Massimiliano Allegri.

Lo scorso maggio, dopo l’ultima apparizione allo Juventus Stadium contro la Lazio (2-2), il giocatore argentino era inconsolabile, versando tutte le lacrime del suo corpo davanti ai tifosi che salutavano il N.10 bianconero.

In sette anni alla Juve, il “Joya” (il “Gioiello” in spagnolo, il suo soprannome) ha accumulato gol (115 in 293 partite) e titoli (5 scudetti, 4 Coppe Italia). Fino alla fine sperava di rimanere ai piedi delle Alpi.

Ma dopo lunghi mesi di procrastinazione, la Juve ha chiesto il divorzio alla scadenza del suo contratto a giugno. Ha scommesso sulla stella nascente Dusan Vlahovic per far rivivere una squadra in declino dopo una stagione senza titolo, la prima in 11 anni.

“Pensavo che saremmo stati insieme per più anni, ma il destino ci ha messo su strade diverse”, ha detto il 28enne argentino.

Tre mesi dopo, sarà ancora una volta il protagonista della giornata. Ma questa volta all’interno della squadra avversaria, con lo stemma Wolf sul petto e il N.21 sulla schiena, quello che ha indossato anche alla Juve durante le sue prime stagioni (2015-2017), avendo rifiutato la proposta della Roma di subentrare a Francesco Totti N.10.

READ  Direzione Italia per Jean-Michel Chougny

– “Un po ‘di tempo” –

Promesso a lungo all’Inter dopo la rottura con la Juve, Dybala si è finalmente ripreso dai riflettori della Champions League ma ad un allenatore che ha ridato ambizione al club della capitale, José Mourinho.

“La prima cosa che ho chiesto all’allenatore è cosa proveremo a vincere? A me piace vincere, e anche a lui”, ha sorriso quando è atterrato ai piedi del Colosseo Paulo Dybala, fan del film “Il Gladiatore” – – celebra i suoi obiettivi imitando una maschera da gladiatore.

A Roma fu subito adottato: furono diverse migliaia i tifosi ad assistere alla sua presentazione “Hollywood” di fine luglio al quartiere Eur.

Le sue prime uscite allo Stadio Olimpico, in amichevole contro lo Shakhtar Donetsk (5-0) e poi in campionato contro la Cremonese (1-0), gli hanno anche permesso di assaporare il fervore dei tifosi che sperano di rivedere la Roma protagonista. (6a ultima stagione). E questo contando su un Dybala rianimato, dopo due stagioni disturbate dagli infortuni.

“Non è ancora al top. Alla fine di ogni azione ha le mani sui fianchi, gli serve ancora un po’ di tempo ma ha grandi qualità”, stima giovedì sul quotidiano Il Messaggero Zbigniew Boniek, ex attaccante della Juventus ma romano nel cuore (vive lì da 37 anni).

Mourinho gli assicura di essere “contento” del suo rookie: “Non mi aspettavo di più in questo periodo”, ha assicurato il tecnico portoghese, che sabato da lui prevede “una partita normale”, con “forse qualche emozione in più prima o dopo “.

E il primo gol in giallorosso? Lo Juventus Stadium sembra il luogo ideale: l’argentino è quello che più spesso ha scosso le reti dello stadio inaugurato nel 2011, con 68 gol, in tutte le competizioni, secondo il campionato italiano. Ma se un giorno farà gol contro la Juve, ha già avvertito, “ovviamente non” festeggerà questo gol con il gusto della vendetta.

READ  L'Italia accoglie 440 migranti, portando il totale a più di 67.000 nel 2021

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.