Dopo le elezioni americane, i media del gruppo Murdoch hanno frenato Donald Trump

Non c’è stata un’ondata di repubblicani alle elezioni di medio termine negli Stati Uniti, colpa di Donald Trump, i titoli dei giornali del potente gruppo mediatico conservatore della famiglia Murdoch sono stati soffocati, un nuovo collegamento in una relazione instabile.

• Leggi anche: Elezioni di medio termine negli Stati Uniti: un esempio della difficoltà di Donald Trump in 3 gare

• Leggi anche: Perché il processo di conteggio richiede così tanto tempo negli Stati Uniti?

Il titolo “Trump è il più grande perdente del Partito Repubblicano” giovedì era nelle colonne Rivista di Wall Street (Il giornale di Wall Street) il comitato editoriale del quotidiano economico di proprietà di News Corp, il gruppo del magnate dei media australiano-americano Rupert Murdoch, 91 anni.

Il contenuto non è molto lusinghiero: “Dalla sua inaspettata vittoria nel 2016 contro l’impopolare Hillary Clinton, Trump ha un record perfetto di sconfitte elettorali”.

“Ha guidato i repubblicani di fiasco in fiasco”, afferma ancora Il giornale di Wall Street Notando che molti dei candidati che ha sostenuto “hanno fallito in stati chiaramente vincibili”, come la Pennsylvania o il New Hampshire.

De Santis

Non è la prima volta che i media della famiglia Murdoch prendono le distanze dall’ex presidente e miliardario repubblicano. Era già stato oggetto di molte critiche in Rivista di Wall Street Dopo il violento attacco dei suoi sostenitori al Campidoglio di Washington il 6 gennaio 2021.

Ma questa volta, “è ora che Trump abbandoni la politica”, scrive un editorialista di un giornale Posta di New YorkThe New York of News Corp., che è stato duro con Donald Trump come con i Democratici che bombardava ogni singolo giorno.

READ  La Cina vieta gli esami scritti per gli studenti della scuola primaria

uno di Posta Una caricatura di un ex presidente che sta per cadere da un muro di mattoni, riferendosi a quel muro che ha promesso di mettere al confine con il Messico per impedire l’immigrazione e “che non ha costruito”.

Il giorno prima, il giornale presentava in prima pagina il governatore della Florida Ron DeSantis, rieletto martedì sera, con questo titolo: dal futuro. Sostegno scintillante al potenziale avversario più potente di Donald Trump nella corsa alla nomination repubblicana del 2024.

Altri sentimenti contrastanti su Fox News, uno dei canali più seguiti negli Stati Uniti, che è anche di proprietà di Rupert Murdoch.

Per uno dei suoi personaggi, Tucker Carlson, “Trump ha sempre avuto lati positivi e lati negativi a livello politico. […]ma in questo caso di certo non è l’unico fattore in nulla”. Un’altra editorialista, Liz Beck, a quanto pare si schierò con Ron DeSantis.

I media della famiglia Murdoch come Fox News sono importanti tra i conservatori americani e potrebbero rendere ancora più difficile per l’ex presidente ottenere una nuova nomina nel 2024.

Interesse comune

Ma dalla sua sconfitta nel 2020, Donald Trump, che aveva promesso un “annuncio molto grande” il 15 novembre, è rimasto una figura chiave nelle fila degli attivisti repubblicani.

“Anche se ho scelto tanti vincitori, devo resistere notizie false. Per me, Fox News è sempre perso”, ha scritto sul suo social network, Truth Social.

“È come il 2015 e il 2016, un attacco mediatico (collusione!); quando Fox News mi ha combattuto fino alla morte fino a quando ho vinto, sono diventati i più gentili e i migliori sostenitori”, ha aggiunto furiosamente l’ex presidente in un lungo comunicato stampa.

READ  Afghanistan | I talebani adottano temporaneamente una costituzione reale

Donald Trump accusa anche News Corp di aver inventato Ron DeSantis, che è stato soprannominato “Ron La Moral”.

In effetti, per Mark Feldstein, professore di giornalismo all’Università del Maryland, le relazioni tra Trump e i media conservatori, in particolare quelli dell’impero Murdoch, hanno subito molti alti e bassi.

Ricorda che il miliardario è effettivamente entrato in guerra contro il canale, nel 2016 quando “i presentatori di Fox News hanno fatto domande aggressive durante il primo dibattito televisivo alle primarie repubblicane” o durante le elezioni presidenziali del 2020 quando “Fox News ha giustamente attribuito la vittoria a Joe Biden in Arizona”.

“In entrambi i casi si è conclusa con la riconciliazione perché è nel loro interesse”, ha detto all’AFP.

Ai suoi occhi, il pubblico e il profitto saranno più importanti dell’ideologia del canale. Se Ron DeSantis ha catturato l’immaginazione degli spettatori della Fox [News]Il canale lo promuoverà il più possibile”, a spese di “un cavallo guerriero a piedi nudi come Trump ripete i suoi vecchi mantra stanchi”.

Ma “Certo, se Trump torna al potere, Fox [News] Prenderà il carrello”, avverte.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.