Donald Trump e Joe Biden potrebbero non vincere il 5 novembre

Donald Trump e Joe Biden potrebbero non vincere il 5 novembre

Mentre mi preparo per le elezioni del 5 novembre, a volte penso a diversi scenari complessi. Mentre alcuni non sono realistici, altri rientrano nel campo delle possibilità.

Come già sapete, per vincere un candidato alla presidenza deve ricevere un totale di 270 elettori (su un totale di 538). Cosa succede se nessuno dei presunti candidati riesce a raggiungere questa impresa?

Uno scenario raro, ma non impossibile

Se Trump e Biden non riuscissero a conquistare 270 elettori, ci sarebbe ovviamente una corsa molto combattuta (e sarà così), ma anche la presenza di un altro candidato.

Da diversi mesi diversi candidati stanno valutando la possibilità di presentare una candidatura indipendente. Se Robert F. Kennedy Jr. (RFK Jr.) è effettivamente sulla scena e può confondere le idee, non possiamo ancora immaginare che supererà gli altri candidati in nessuno dei 50 stati.

Oltre a Kennedy Jr., ci sono altre due opzioni che potrebbero cambiare le regole del gioco. Il gruppo “La Labs” (bipartisan) non ha ancora annunciato la sua candidatura, ma il sito “The Hill” ha confermato lunedì che si pensa sempre più ad un riavvicinamento con Nikki Haley.

Che si tratti di RFK Jr., Nikki Haley o di un altro candidato, basta una sola vittoria in uno stato per raggiungere una situazione di stallo. Per illustrare il mio punto, ho utilizzato il simulatore di risultati di 270towin.



Screenshot tratto dal sito web 270towin

Gli stati in blu avrebbero votato democratico, gli stati rossi avrebbero favorito i repubblicani e gli stati in giallo avrebbero favorito una candidatura indipendente. Niente dice che gli Stati voteranno nel modo che ho indicato sulla mappa, faccio solo un esempio.

READ  Nuovo record di caldo in Brasile, a Rio si è registrata una temperatura di 58,5 gradi Celsius

L’influenza della candidatura indipendente sui risultati è fin troppo comune nella storia degli Stati Uniti. Più vicino a noi nel tempo, possiamo pensare a Ralph Nader (2000) o Ross Perot (1992). L’ultimo indipendente a vincere uno Stato (5 nel suo caso, 46 ​​elettori) fu George Wallace nel 1968.

La Camera dei Rappresentanti avrà la chiave per le elezioni

Se Trump e Biden non riusciranno a superare la soglia dei 270, spetterà alla Camera decidere. Una delle particolarità di questa procedura è che non saranno i 435 rappresentanti a votare separatamente (il Senato sceglierà il vicepresidente).

Verranno poi raggruppati in base allo stato di provenienza e ogni stato avrà un voto. La vittoria va quindi al primo candidato che ottiene i voti di 26 stati su 50.

Per inciso, il Distretto di Columbia (Washington, D.C.) ha tre elettori primari, ma non è rappresentato alla Camera dei Rappresentanti. Riuscite ad immaginare come reagirebbe la popolazione se dovessimo scegliere un presidente senza che loro possano parteciparvi?

L’anno elettorale del 2024 è già straordinario per molte ragioni, ma se lo scenario qui presentato si avvererà, condivideremo un momento diverso da qualsiasi altro nella storia americana.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *