“Devo fornire una ricevuta per un biglietto che ha sei anni”


I belgi ricevono da diversi mesi lettere di ufficiali giudiziari dall’Italia. Dagli anni ’60, Nivi, una società privata, gestisce i pedaggi in questo paese. E fino all’anno scorso aveva grandi difficoltà nell’individuare i cattivi pagatori, ma ora è risolto, il che significa che è la fine dell’impunità per i conducenti belgi.

La brutta esperienza di Leon

Infatti, nel novembre 2021 è stato concluso un accordo tra Italia e Belgio, e questo facilita la collaborazione e la distribuzione delle multe tra di noi. Questo a volte dà luogo a delle assurdità, come spiega Léon Caelen ai nostri colleghi di “Het Belang Van Limburg”: “Sei anni fa, ho pagato tre euro per un pedaggio, e ora ricevo una multa perché non l’ho pagata. Secondo loro, il pagamento non sarebbe andato a buon fine ma la barriera sarebbe stata comunque rimossa. »

“Posso assicurarvi che avevo pagato in contanti. Ma ora mi chiedono di fornire una ricevuta per qualcosa di sei anni fa. Pensavo fossero truffatori, invece devo pagare 39,75 euro”, continua l’autista infastidito.

Come reagire?

Tuttavia, SPF Mobilité ha indicato all’inizio dell’anno che Nivi non poteva richiedere una sanzione per un periodo precedente alla conclusione dell’accordo. Pertanto, tutto ciò che risale a prima del 19 novembre 2021 non può essere rivendicato dall’Italia. Puoi quindi impugnare la multa contattando tu stesso la Nivi.

READ  "Jorginho vuole tornare in Italia"

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.