Crédit Agricole: “il calo della produzione industriale in Italia non è una sorpresa”

Crédit Agricole: “il calo della produzione industriale in Italia non è una sorpresa”

(AOF) – In Italia la produzione industriale è tornata a diminuire anche a gennaio, registrando un calo dell'1,2% rispetto al mese precedente e di oltre il 3% su base annua. Tutte le categorie di beni sono interessate, ma i beni di consumo durevoli e i beni d’investimento hanno registrato le contrazioni maggiori da un mese all’altro, rispettivamente con -4,2% e -3,6%. Soltanto il settore energetico ha registrato una progressione positiva dell'indice. Su un anno il divario è ancora maggiore poiché per la produzione di beni di consumo durevoli quest'ultima si attesta intorno al 12%.

Per branca di attività, dei sedici settori manifatturieri censiti dall'Istat, tredici sono in rosso. L'elettronica, la carta, il legno e i prodotti farmaceutici sembrano soffrire di più, con i prodotti farmaceutici che hanno registrato un calo della produzione del 15% in un anno.

“Se il calo della produzione industriale non è una sorpresa alla luce delle indagini di fiducia, la sua entità suggerisce difficoltà più pronunciate e più durature, con un'acquisizione per il primo trimestre fortemente negativa a (-0,9%)” , ha commentato Sofia Tozy, Italia economista del Crédit Agricole.

“L'impatto cumulativo del rallentamento dei principali partner e della perdita di competitività legata all'energia sta penalizzando il settore dei beni d'investimento, mentre il rallentamento dei consumi ha effetti evidenti sui beni durevoli. Nessun settore sembra risparmiato per il momento”, precisa.

READ  La Scozia polverizza l'Italia nel Torneo Sei Nazioni

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *