Costa-Gavras viene a raccontare il Cile a Biarritz

Costa-Gavras viene a raccontare il Cile a Biarritz
Konstantinos Gavras, conosciuto con lo pseudonimo di Costa Gavras, è nato in Grecia ed è arrivato a Parigi nel 1955, all’età di 22 anni.

Valerie Macon/AFP

controOsta Gavras presenterà a Biarritz due dei suoi film: “State of Siege” e soprattutto “Missing”, la Palma d’Oro a Cannes e l’Oscar per la migliore sceneggiatura. All’origine di questo film del 1982 c’è una storia vera: la scomparsa di un giornalista americano durante il colpo di stato dell’11 settembre 1973 in Cile. Costa-Gavras mostra incursioni, torture ed esecuzioni attraverso un padre che cerca suo figlio. Si condanna soprattutto il ruolo dei servizi segreti americani nella presa del potere da parte dei militari e nella repressione che ne è seguita. Il regista franco-greco ritorna…

Konstantinos Gavras, conosciuto con lo pseudonimo di Costa Gavras, è nato in Grecia ed è arrivato a Parigi nel 1955, all'età di 22 anni.
Konstantinos Gavras, conosciuto con lo pseudonimo di Costa Gavras, è nato in Grecia ed è arrivato a Parigi nel 1955, all’età di 22 anni.

Valerie Macon/AFP

controOsta Gavras presenterà a Biarritz due dei suoi film: “State of Siege” e soprattutto “Missing”, la Palma d’Oro a Cannes e l’Oscar per la migliore sceneggiatura. All’origine di questo film del 1982 c’è una storia vera: la scomparsa di un giornalista americano durante il colpo di stato dell’11 settembre 1973 in Cile. Costa-Gavras mostra incursioni, torture ed esecuzioni attraverso un padre che cerca suo figlio. Si condanna soprattutto il ruolo dei servizi segreti americani nella presa del potere da parte dei militari e nella repressione che ne è seguita. Il regista franco-greco torna ai suoi anni in America Latina in “Sud Ouest” (1).

“In Cile non esiste più una dittatura militare, ma ci sono ancora molti quartieri molto poveri”.

Dov’eri l’11 settembre 1973?

Stavo lavorando in Italia con lo sceneggiatore Franco Solinas. Eravamo in un piccolo villaggio di pescatori in riva al mare e qualcuno la mattina ci chiamò al telefono per annunciare il colpo di stato. Volevamo chiamare i nostri amici lì ma tutte le linee erano interrotte. Impossibile avere notizie. Ascoltavamo la radio e ne parlavamo tutto il giorno con amici venuti apposta da Roma. Abbiamo discusso cosa si potrebbe fare collettivamente. Ben presto la mobilitazione fu numerosa, ma senza un progetto specifico e senza informazione. Abbiamo capito che dovevamo farla durare, soprattutto per i nostri amici che erano lì in Cile. Abbiamo dovuto aspettare diversi giorni per avere i dettagli delle atrocità che si svolgevano lì.

READ  Il Florence Korea Film Festival si aprirà il 21 marzo con Lee Byung Hun e Song Kang Ho

Avevi molti amici lì?

SÌ. Per quanto riguarda Salvador Allende, ovviamente siamo stati informati, ma per quanto riguarda, ad esempio, Augusto Olivares, il direttore della televisione nazionale che conoscevo bene, ho saputo solo molto tempo dopo che era stato al Palazzo della Moneda con il presidente e che si era sparato alla testa pochi minuti prima che Allende facesse la stessa cosa. Fu suo figlio a insegnarmelo qualche mese dopo a Parigi.

In quali circostanze hai incontrato Salvador Allende?

È molto particolare: sono andato a Santiago per difendere il mio film “L’Aveu” che, secondo articoli di giornali di destra, lì è stato vietato di trasmettere sotto la pressione dei comunisti. È stato un errore. Ho ricevuto conferma dalla Warner, che ne ha acquistato i diritti, che non ci sarebbe stata alcuna censura e che il film sarebbe stato distribuito. Avevo intenzione di farla franca con una dichiarazione scritta, ma la campagna era feroce, quindi sono salita su un aereo.

Era il mio primo soggiorno in Cile. Ho conosciuto Augusto Olivares e abbiamo deciso che avrei partecipato ad un programma televisivo molto seguito. Era in diretta domenica sera e io ero l’ospite a sorpresa. Ciò suscitò un enorme scalpore nei media, perché ero considerato un nemico del popolo dai comunisti, ed era disapprovato dai conservatori a causa della “Z”. Fu allora che Augusto mi chiese di incontrare Allende.

Dove ha avuto luogo l’incontro?

Nel Palazzo della Moneda. La nostra intervista è durata a lungo. Aveva un messaggio: “Dite al mondo che il Cile sarà libero. “Non ho mai incontrato un capo di Stato che abbia mostrato tanta determinazione. Ero affascinato da lui: sembrava un medico di campagna, ma irradiava forza. Mi sono sentito così colpito. Sono tornato a vederlo qualche mese dopo per girare Stato d’assedio in Cile perché non era possibile farlo in Uruguay dove regnava la dittatura. Il Cile è l’unico paese dell’America Latina che ha accettato questa fotografia e Allende mi ha permesso di realizzarla nelle migliori condizioni possibili.

READ  "Tra tutti gli immigrati ce ne sono tanti Nadia!"

Allo stesso modo, hai dovuto girare “Missing” in Messico. Era possibile proiettare il film in Cile ai tempi di Pinochet?

No, ma la gente li otteneva inviando nastri VHS dall’estero e li guardava di nascosto. Per mimetizzarlo e passare la dogana, lo abbiamo messo in una scatola di cartoni Disney.

Sei tornato in Cile da allora?

Sono stato invitato ai festival, ma ti racconterò il momento di maggior impatto che ho vissuto lì. Per molto tempo il luogo di sepoltura di Salvador Allende fu tenuto segreto. Nel 1990 la sua salma fu restituita a Santiago e si svolsero i funerali di stato.

L’allora primo ministro Michel Rocard era a capo di una delegazione francese alla quale ero stato invitato. Al funerale, un numero incredibile di cileni sono venuti a rendere omaggio lungo la strada. Erano sui tetti. Hanno trovato il loro capo. È stato un momento di tale eccitazione. non dimenticare mai !

Nel 1993 lei disse che “il grande difetto della nostra società è sorprendente”. Hai ancora questa opinione?

Più che mai, lo spettacolo sostituisce tutto. Anche i partiti politici convocano i manager! Tutto ciò nasconde cose e funge da repellente per gli intellettuali. Almeno, le persone reali credono nella discussione delle idee. Non vogliono rivelarsi e partecipare a questo meraviglioso spettacolo. Quindi non li sentiamo.

Dove sono i pensatori e gli intellettuali?

Prima del 1968 non c’erano intellettuali. Successivamente il loro movimento si rafforzò e nei decenni successivi vi fu una grande intensità di pensiero e di proposte. Oggi i veri pensatori non hanno più voce. La nostra società vive in uno stato di tribalismo e individualismo che non lascia spazio all’influenza delle idee. Conta solo l’economia, ed è priva di idee.

READ  Robbie Williams manifesta in Svizzera: "Protesto contro tutto"

Come rappresenti le dittature attuali?

È molto difficile saperlo. Come ho detto, la dittatura è economica. Coloro che detengono il potere economico sono ascoltati dal governo e questo riguarda tutte le nostre comunità. È un’ideologia imprecisa e questa imprecisione rende difficile, almeno per me, alla mia età, fare una storia cinematografica di ciò che l’impronta miliardaria rappresenta nel mondo.

Quello che è certo è che in Cile non esiste più una dittatura militare, ma ci sono ancora molti quartieri molto poveri, e nonostante il ritorno alla democrazia, poco è cambiato rispetto ad Allende.

Festival di Biarritz in America Latina

Il Festival del Cinema Latinoamericano di Biarritz si svolgerà dal 23 al 30 settembre con 30 film in concorso (cortometraggi, lungometraggi e documentari). Focus sul Cile, uno zoom sulla commedia cubana, concerti, incontri letterari, accademici e professionali sono il programma di questa 32esima edizione che vedrà il comico messicano Gael García Bernal ricevere la Medaglia d’Onore Abrazo. Programma e biglietti disponibili www.festivaldebiarritz.com

(1) Leggi anche le memorie di Costa-Gavras del 2018, “Vai dove è impossibile andare”, Ed. dalla soglia, 528 pagine, € 25 (tascabile), € 8,40 (tascabile), € 17,99 (ebook).

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *