Cosa chiede WhatsApp ai suoi utenti

WhatsApp chiede ai suoi utenti di farlo accettare i nuovi termini di servizio e regolamenti sulla privacy. Gli utenti che si rifiutano di condividere questi dati non potranno più utilizzare l’app di messaggistica dall’8 febbraio. Nella notifica si legge: “Toccando” Accetto “, accetti i nuovi termini e l’informativa sulla privacy, che entreranno in vigore l’8 febbraio 2021. Dopo questa data, dovrai accettare questi aggiornamenti per continuare a utilizzare WhatsApp. Puoi anche visita il centro assistenza se preferisci eliminare il tuo account e desideri maggiori informazioni “. (

L’azienda, contattata da AGI, rende noto che le modifiche interesseranno effettivamente solo gli account “aziendali” registrati per il servizio: “Non ci saranno modifiche nella condivisione dei dati con Facebook riguardanti le chat non aziendali e le informazioni sull’account e, per quanto per quanto riguarda la messaggistica aziendale, non chiediamo agli utenti di condividere i dati ”.

WhatsApp, che è stata acquistata da Facebook per circa 20 miliardi di dollari nel 2014, ha confermato che a partire da questa settimana ha iniziato a inviare ai suoi quasi due miliardi di utenti una notifica sulla sua politica sulla privacy e sui termini di servizio, ma al solo scopo di fornire “informazioni più chiare e informazioni più dettagliate ai nostri utenti su come e perché utilizziamo i dati “.

Facebook quindi smentisce quanto circola in queste ore, e cioè che la modifica delle regole è finalizzata ad aumentare il numero di dati personali che dall’app di messaggistica finiscono nel social network per monetizzare ulteriormente il servizio e aprirlo ai diretti. pubblicità da parte delle aziende. Almeno questo non accadrà in Europa: “Non ci sono modifiche al modo in cui i dati di WhatsApp vengono condivisi nella Regione Europea (incluso il Regno Unito) derivanti dai termini di servizio aggiornati e dall’Informativa sulla privacy”, continua WhatsApp in una nota ufficiale, che conferma di non condividere “i dati degli utenti WhatsApp dell’area europea con Facebook al fine di consentire a Facebook di utilizzare questi dati per migliorare i propri prodotti o pubblicità”.

READ  Rimpasto, dimissioni o Conte-ter: cosa può fare Giuseppi dopo la fiducia

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *