Condanne internazionali dopo il colpo di stato in Birmania

Il colpo di stato militare di lunedì in Myanmar, che ha arrestato il capo de facto del governo civile, Aung San Suu Kyi e altri leader, ha portato a una raffica di condanne in tutto il mondo.

Leggi anche: Il colpo di stato in Birmania: la chiusura delle banche del Paese

Leggi anche: Colpo di stato in Birmania, Aung San Suu Kyi è stata arrestata

Nazioni unite

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres condanna “fermamente” la detenzione militare di Aung San Suu Kyi e di altri leader politici. Con “l’annuncio del trasferimento all’esercito di tutti i poteri legislativi, esecutivi e giudiziari”, “questi sviluppi costituiscono un duro colpo alle riforme democratiche in Birmania”.

  • Ascolta il giornalista politico internazionale Loïc Tassé con Benoit Dutrizac su QUB:

Cina

Secondo Wang Winbin, portavoce della diplomazia cinese, Pechino invita gli attori politici birmani a “risolvere le loro divergenze nel quadro della costituzione e delle leggi al fine di mantenere la stabilità politica e sociale”.

stato unito

Una dichiarazione rilasciata dalla Casa Bianca afferma: “Gli Stati Uniti si oppongono a qualsiasi tentativo di modificare i risultati delle recenti elezioni o di ostacolare la transizione democratica in Birmania e lavoreranno contro i responsabili se queste misure non verranno abbandonate (arresti, ndr). ” Relatore Jane Saki.

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha invitato i militari a “rilasciare tutti i funzionari governativi e i leader della società civile e a rispettare la volontà del popolo birmano espressa nelle elezioni democratiche dell’8 novembre”.

Russia

“Stiamo osservando con molta attenzione e analizzando la situazione in Birmania. È troppo presto per dare una valutazione”, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Unione Europea

Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, condanna “fermamente” il colpo di stato e chiede su Twitter “l’immediato rilascio” dei detenuti, e chiede rispetto per il risultato elettorale. Il popolo birmano “vuole la democrazia. L’Unione europea è con lui “, ha twittato il presidente Josep Borrell, capo della diplomazia europea.

READ  Il Mediterraneo: migranti eritrei fanno causa all'Italia per il loro ritorno in Libia

Francia

Il ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian ha denunciato “un inaccettabile scetticismo sul processo democratico” e ha chiesto “il rilascio immediato e incondizionato” di Aung San Suu Kyi e di tutti i leader politici detenuti, chiedendo “il pieno rispetto dei risultati elettorali”.

Secondo il portavoce del governo Gabriel Atal, Parigi “è in trattativa con i suoi partner nell’ambito degli organismi internazionali, in particolare le Nazioni Unite”.

Germania

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas “condanna fermamente” il colpo di stato e gli arresti, invitando “l’esercito a rilasciare immediatamente i membri del governo e del parlamento detenuti” ea riconoscere i risultati delle elezioni.

Italia

Il ministero degli Esteri italiano ha affermato che l’Italia “condanna fermamente l’ondata di arresti” e chiede “l’immediato rilascio di tutti i responsabili”. “Siamo preoccupati per questa brutale interruzione del processo di transizione democratica” e i risultati delle elezioni “devono essere rispettati”.

Spagna

Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez “condanna il colpo di stato” e chiede “l’immediato rilascio di tutti i detenuti e il ripristino del processo democratico”, aggiungendo: “La costituzione e il risultato elettorale devono essere rispettati”.

Grecia

Il ministero degli Affari esteri esprime la sua “grave preoccupazione” e chiede “l’immediato rilascio di Aung San Suu Kyi e di altri politici detenuti, nonché il rispetto per la volontà democratica del popolo”.

Repubblica Ceca

Il ministro degli Esteri ceco Thomas Petrich ha dichiarato su Twitter che il suo Paese “condanna il” colpo di stato “e sostiene i leader legittimi” in Myanmar e chiede il loro rilascio immediato “e chiede” rispetto per i risultati elettorali “.

Finlandia

“È chiaro che i problemi del Paese non saranno risolti da un colpo di stato militare” e chiede “il rilascio dei leader politici imprigionati nelle loro prigioni”, ha detto a Helsingen Sanomat il capo diplomatico finlandese Becca Havelisto, citando una situazione “molto preoccupante”. Uffici. “

READ  Song Joong-ki torna sul piccolo schermo nei panni di una mafia italiana di origine coreana con "Vincenzo"

Svezia

Il ministro degli Esteri svedese Ann Linde “condanna” il colpo di stato su Twitter, chiede all’esercito di “rispettare lo stato di diritto” e i risultati delle elezioni e chiede il rilascio “immediato e incondizionato” di tutti i leader civili detenuti.

Danimarca

Il ministro degli Esteri Gebi Kuvud “condanna fermamente” il colpo di stato, invita “tutte le parti a rispettare i risultati delle elezioni democratiche”, chiede il rilascio di “tutti i leader civili e funzionari governativi”, aggiungendo su Twitter: “L’esercito sotto il controllo civile è un principio democratico fondamentale “.

– Norvegia “Condanniamo gli sviluppi odierni in Birmania”, ha twittato il ministro degli Esteri norvegese En Eriksen Surid. Chiediamo ai leader militari di aderire agli standard democratici e di rispettare i risultati delle elezioni. I politici democraticamente eletti devono essere rilasciati “.

svizzero

Il ministro degli esteri svizzero Ignacio Cassis, il cui Paese ha aiutato i partiti birmani a firmare un codice di condotta per elezioni pacifiche e una campagna equa a giugno, si è detto “estremamente preoccupato” e ha chiesto “un dialogo immediato per recuperare e rilasciare i detenuti”.

Regno Unito

Il primo ministro britannico Boris Johnson condanna il colpo di stato e chiede il rilascio dei “leader civili incarcerati”, tra cui Aung San Suu Kyi, aggiungendo su Twitter: “Il voto del popolo deve essere rispettato”.

tacchino

Il governo turco, che era esso stesso l’obiettivo di un tentativo di colpo di stato nel 2016, “condanna fermamente la presa del potere da parte dell’esercito birmano” e vuole “l’immediato rilascio dei leader eletti, dei leader politici e dei civili detenuti”, secondo il ministero degli Esteri. . Spera che questo sviluppo “non aggraverà le condizioni dei musulmani Rohingya che vivono in condizioni difficili in Birmania”.

READ  Chula Vista Walmart Supercenter Temporarily Shuts Down Sewage Amid Coronavirus Pandemic - NBC 7 San Diego

Canada

Bob Ray, ambasciatore del Canada presso le Nazioni Unite, ha detto su Twitter che l’esercito birmano “ha scritto la costituzione in questo modo in modo da poterlo fare”. “La costituzione del 2008 è specificamente progettata per garantire il consolidamento e la protezione della forza militare”.

Bangladesh

Il Ministero degli Affari Esteri del Bangladesh, un paese che ospita centinaia di migliaia di rifugiati Rohingya dalla Birmania, ha confermato: “Come vicino immediato e amichevole, vorremmo vedere pace e stabilità in Birmania”, speriamo che il processo sarà democratico e disposizioni costituzionali in Birmania.

rugiada

“Lo Stato di diritto e il processo democratico devono essere rispettati”, ha affermato il ministero degli Esteri, esprimendo “profonda preoccupazione”.

Giappone

Il Ministero degli Affari Esteri chiede il rilascio di Aung San Suu Kyi e sollecita “l’Esercito Nazionale ad accelerare il ripristino del sistema politico democratico”.

Australia

“Chiediamo ai militari di rispettare lo stato di diritto, risolvere le controversie attraverso meccanismi legali e rilasciare immediatamente tutti i leader (politici) della società civile e altre persone detenute illegalmente”, ha detto il ministro della Giustizia australiano Maryse Payne.

Singapore

Il Ministero degli Affari Esteri esprime la sua “grave preoccupazione”, esprimendo l’auspicio che “le parti daranno prova di moderazione”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *