Con sei gare su sette annullate, la stagione dello sci alpino maschile è stata interrotta

Con sei gare su sette annullate, la stagione dello sci alpino maschile è stata interrotta

Sei delle prime sette gare della stagione di Coppa del Mondo di sci alpino maschile non hanno potuto essere disputate o completate. Vittima dei capricci del tempo, questo inizio di stagione disastroso preoccupa la Federazione Internazionale di Sci, che non trova più posto nel suo calendario.

“Tutto era pronto”, ha promesso prima della gara la Federazione Internazionale di Sci (FIS), organizzando una grande festa di apertura della stagione. Il ghiacciaio del Rettenbach è apparso sufficientemente coperto di neve nonostante le temperature registrate nella regione, più miti del solito per questo periodo dell’anno. Il gigante femminile aveva gareggiato anche il giorno prima in condizioni perfette.

Insomma, non sembra esserci alcun pericolo all’orizzonte. Ma mentre Sölden celebrava il 30° anniversario della sua inclusione nel calendario della Coppa del mondo di sci alpino, venti forti e persistenti alla fine costrinsero gli organizzatori a cancellare l’inaugurale Giant Chase, in cui gli sciatori gareggiarono nel primo turno, come è già successo più volte nel torneo. . passato.

Poiché questa ripresa è stata posticipata a fine ottobre, e poi rinviata a metà novembre a seguito della cancellazione delle due gare di discesa libera di Zermatt-Cervinia (Svizzera/Italia) all’inizio di novembre, è stata programmata una sola gara maschile su sette gare nel calendario stagionale. È riuscito a correre una gara di slalom a Gurgl, in Austria, che è stata vinta da Manuel Feller.

Vittime dei rischi meteorologici, con nevicate e raffiche di vento che non hanno garantito la sicurezza degli sciatori, anche i tre eventi di Beaver-Creek (due di discesa libera, un Super-G) sono stati cancellati lo scorso fine settimana.

READ  Rafael Nadal svelerà presto il suo ritorno ai piani di gioco

La stessa cosa è accaduta sui “Birds of Prey” nel 2021, quando i venti avevano già annullato lo sbarco. Nel 2016, temperature anormalmente elevate hanno portato alla cancellazione della tappa di Beaver Creek.

“Sconcerta tutti”

A quel tempo, anche la tappa precedente della Coppa del Mondo, a Lake Louise (Canada), che non era più in calendario, fu annullata per mancanza di neve. A causa del riscaldamento globale, le condizioni dei ghiacciai peggiorano ogni anno, portando alla sospensione delle stagioni dello sci alpino in autunno. Negli ultimi anni molti sciatori hanno chiesto un adeguamento del calendario a favore delle gare organizzate in primavera.

Criticata per diversi anni per non essersi concentrata sufficientemente sul necessario adattamento del World Circuit ai cambiamenti climatici, la FIS è stata costretta ad annullare la discesa a due da Zermatt-Cervinia nel 2023, il suo pionieristico e controverso progetto transfrontaliero che è stato pesantemente criticato. Tra Svizzera e Italia per il secondo anno consecutivo. Anche il circuito femminile ha subito l’annullamento di due gare.

“Il nostro sport è uno degli sport più colpiti dal riscaldamento globale e, invece di cambiare il nostro sistema e adattarci, stiamo facendo esattamente il contrario. L’evento non è al passo con i tempi. Sta scioccando tutti nel mondo”, ha affermato un arrabbiato Alexis Pinturault: I nostri colleghi svizzeri in 20 minuti, in ottobre In passato, a proposito di un progetto che ha suscitato polemiche.

Un anno prima, il francese Johann Cleary aveva denunciato “una sciocchezza ambientale” dovuta alle condizioni della neve. La FIS, che si aggrappa a tutti i costi a questo progetto, ignorando ogni considerazione ambientale, ha deciso quest’anno di posticipare di due settimane la tappa Zermatt-Cervinia per sfruttare meglio la neve, e i fiocchi sono caduti bene. Tardi per il percorso della Gran Becca (con partenza per la Svizzera e arrivo in Italia) per prepararsi.

READ  Posta meridionale | Anthony DiFrancesco e la grande sfida di riportare la Lynx al vertice

Un programma già sovraccarico

La questione ora è il calendario: “I posti disponibili sono pochissimi”, sottolinea Alexis Pinturault I nostri colleghi di Il gruppo. Al momento solo due gare sono riuscite a trovare posto in calendario. Giant è stato aggiunto all’evento di Aspen negli Stati Uniti a marzo, e un’altra discesa in programma avrà luogo in Val Gardena, in Italia, la prossima settimana. Come per altri eventi per i quali non è stata fissata una data, il Fronte Islamico di Salvezza potrebbe avere difficoltà a trovare una sede.

“Correre due piste in due giorni a Bormio dopo Natale è complicato. Lo stesso a Wengen (Svizzera) a metà gennaio dove il programma è già fitto. Se ci prendiamo qualche settimana di pausa nella stagione, come in Formula 1 o in MotoGP “Potremmo organizzare lì delle gare alternative. Ma non ne abbiamo…”, si rammarica Alexis Pinturault nelle colonne quotidiane. Il gruppo. Secondo quanto riferito, il direttore di gara della FIS Markus Waldner avrà possibilità a Wengen e Queuetville (a metà febbraio) Il romanziere. Intanto gli sciatori hanno ora appuntamento in Francia, in Val d’Isere, per prendere parte alle gare di slalom e gigante del prossimo fine settimana. Se tutto va bene…

Articoli più importanti

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *