Come adattare i tuoi contenuti web per le persone non udenti e con problemi di udito

Come adattare i tuoi contenuti web per le persone non udenti e con problemi di udito

20 settembre 2023

Leggi sull’accessibilità delle risorse online sono in vigore da tempo, sia in Canada (2019), che negli Stati Uniti e in Europa. Nel 2021, l’Ontario ha aumentato i suoi requisiti e nei prossimi anni possiamo aspettarci un passaggio verso una maggiore accessibilità dei contenuti web. Su questo argomento un’intervista a Kim Oclair, consulente in comunicazione web.

Quando non si conosce la realtà di una persona con disabilità, si può pensare che Internet sia uno strumento privilegiato, quasi perfetto, per ottenere informazioni. Dopotutto, una persona con problemi di udito può concentrarsi sul contenuto “testuale” e una persona cieca può concentrarsi sul contenuto “audio”. Tuttavia, Kim Auclair riflette una realtà molto più complessa.

Per molte persone, come me, immerse nel mondo dell’udito, è molto difficile seguire corsi online, webinar, ecc. Anche le materie delle classi regolari a scuola. Conosco persone che hanno faticato a modificare i propri programmi, ad accedere agli appunti del corso e a progredire secondo i propri ritmi. Da parte mia, quando ero più giovane, non osavo parlare della mia sordità a scuola. Spesso dovevo lavorare il doppio degli altri. »

Dall’inizio della pandemia, i lavoratori a distanza “senza disabilità” hanno scoperto la sfida di capirsi nelle conversazioni virtuali. Possiamo facilmente immaginare che la sfida sia duplice per una persona non udente o ipoudente che voglia interagire online o consultare determinati contenuti.

Uno dei grandi ostacoli che le persone non udenti e con problemi di udito devono affrontare ogni giorno è l’accesso alle informazioni, afferma Kim Oclair. Adattare i contenuti online o renderli accessibili riduce le possibilità che perdano informazioni.

Non limitarti alla traduzione

Quello che bisogna capire è che una persona che veicola informazioni sul web (attraverso video, webinar, riunioni Zoom, formazione online, podcast, ecc.) ha migliaia e migliaia di opportunità per rendere la vita più facile alle persone non udenti o ipovedenti. udito. Va oltre la semplice aggiunta di sottotitoli a un video.

Parliamo di traduzione, ma riguarda anche l’utilizzo di parole e immagini semplici. Accetta di fornire feedback alla fine dell’evento Zoom dal vivo. Assicurati di avere una buona illuminazione per facilitare la lettura labiale. Invia un ordine del giorno o argomenti da discutere prima della riunione o della presentazione. Elimina le distrazioni visive nei video, accetta di parafrasare ciò che hai appena detto o offriti di spiegare le cose per iscritto (in chat) se ti viene chiesto di chiarire un messaggio…”

Kim Auclair ricorda l’importanza di mantenere “l’occhio concentrato” sul volto di una persona. Dopo l’incontro virtuale è possibile fare qualcosa che farà una grande differenza, ad esempio inviare un riepilogo dello scambio via email. Nel caso di un video o webinar asincrono, puoi trascrivere i file audio utilizzando un’applicazione.

READ  Quinté +: PRIX TRITON - PARIS-VINCENNES - 25/11/2022: Corridori, Pronostici, Risultati in Video

Naturalmente, il consulente è consapevole che l’implementazione di queste strategie richiede un investimento di tempo e, talvolta, di denaro. Allo stesso tempo, esistono programmi di assistenza finanziaria per coprire i costi di messa a disposizione dei contenuti.

Oltre ad aiutare molte più persone di quanto pensiamo, queste piccole azioni permettono a tutti di provare un senso di appartenenza, afferma Kim Oclair. Aumenta anche le possibilità di partecipare maggiormente alle discussioni. »

Alla fine vincono tutti.


Scopri i nostri corsi di formazione:

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *