Christian Clot, volontario scientifico

Si circonda di 14 assistenti per condurre il suo esperimento a Ussat, in Ariège. L’esploratore Christian Clute ha lanciato questa domenica un ritiro di gruppo nella grotta, che richiederà 40 giorni. I Quindici Avventurieri non sono limitati, come nel mito della Caverna di Platone, ma saranno comunque privati ​​della luce del giorno e di ogni nozione di tempo. Per la prima volta al mondo sono stati creati trentanove chilometri di gallerie e l’obiettivo è capire come il corpo umano e il cervello si adattano a una grave reclusione.

Relazioni sociali al microscopio

Nel 1962, lo scienziato Ness Michel Seaver guidò questo tipo di avventura nelle grotte per soli 59 giorni. Questa volta le relazioni sociali sono diventate il centro dell’esperienza. “Quando non hai un orologio, non hai una sveglia, e quando non hai i mezzi per incontrarti (…), dovrai trovare una soluzione completamente nuova”, Christian Klot ha spiegato prima di entrare nella grotta. La sua ipotesi è quella dopo un periodo di distruzione dei rapporti umani e perdita di parametri temporali “Il gruppo riuscirà a creare un sistema di sincronizzazione che gli permetta di funzionare”.

READ  Why was Stonehenge built? | Living Sciences

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *