Céline Galipeau prevede la fine dei telegiornali

Céline Galipeau prevede la fine dei telegiornali

Quest’anno Céline Galipeau festeggia 40 anni di carriera a Radio-Canada. Resta una figura chiave nel mondo dell’informazione, come dimostra la calorosa accoglienza che ha ricevuto questo fine settimana al Festival Internazionale del Giornalismo di Carleton-sur-Mer. I due panel a cui ha partecipato sono stati tra i più apprezzati dell’evento. Ma il conduttore del Téléjournal delle 22 non racconta storie. Le notizie a tarda notte non sono più quelle di una volta. Gli ascolti sono crollati. I giovani hanno abbandonato.

“L’incontro delle 22 è probabilmente la cosa che alla fine scomparirà. Non so come la gente se ne renderà conto tra 5 o 10 anni. le notizie Serve al pubblico ed è molto vecchio, sono d’accordo, ma è comunque importante. Quando accadono grandi eventi, si rivolgono a noi. Quando abbiamo realizzato uno speciale 100 giorni prima delle Olimpiadi, avevamo ancora quasi 600.000 recensioni. 600.000 persone sono ancora tante! » constata Céline Galipeau in un’intervista a dovere.

Quando è succeduta a Bernard Derom nel 2009, le notizie Era ancora un’istituzione che nessuno immaginava che un giorno sarebbe scomparsa, anche se aveva già perso un po’ del suo splendore con l’arrivo dei canali di informazione 24 ore su 24. Il ruolo di conduttore è sempre stato senza dubbio il più prestigioso nella redazione di Radio-Canada. Anche il più ambito. Molti aspiranti giornalisti si stavano sforzando di raggiungere questo obiettivo. Céline Galipeau si rimprovera ancora di essere, tra tutti i grandi ego della televisione pubblica, quella considerata il volto delle notizie. Soprattutto perché questa donna riservata, che dice di dubitare costantemente di se stessa, non ha mai sognato di stare davanti alla telecamera.

READ  Notre Dame de Paris vuole aggiornarsi

“In questo mestiere ci vuole anche fortuna. L’ambizione non è tutto. Nessuna delle due funziona, anche se è vero che sono un gran lavoratore. Inoltre bisogna essere al posto giusto al momento giusto. Servono capi che credano in te Sono stato fortunato perché ho avuto dei capi che hanno visto in me cose che io non avevo Guida “Che alcune persone possono avere”, osserva col senno di poi.

Il tempo passa

Non è ancora il momento di ritirarsi per Céline Galipeau. Inoltre non ha fissato una data di partenza. Ma l’emittente afferma di aver ricevuto assicurazioni da Radio-Canada che… le notizie Sopravviverà e verrà sostituito quando sarà il momento. “Questa non è più una posizione che molte persone sognano”, ammette la prima conduttrice femminile del canale le notizie 22:00 su Radio Canada.

L’ex corrispondente di guerra ha ancora la possibilità di condurre ogni giorno il bollettino di tarda sera di Radio-Canada. Dal lunedì al giovedì, le sue giornate iniziano alle 8 leggendo i più importanti quotidiani di tutto il mondo, per poi terminare alle 23, dopo il telegiornale.

Ma Céline Galipeau, 67 anni, si rende conto che “ci sono ormai più ritardatari che attaccanti”. Questo fatto le è venuto in mente durante il Festival Internazionale del Giornalismo di Carleton-sur-Mer, dove questo fine settimana è stata invitata a partecipare e discutere del suo viaggio con il pubblico. Prima che lei salisse sul palco, l’organizzazione ha trasmesso un montaggio dei suoi importanti resoconti degli ultimi 40 anni. Vedendo le foto, Céline Galipeau è scoppiata a piangere. Un’emozione che raramente permette di mostrare in pubblico, e di solito è molto introversa.

READ  Trova 5.000 dollari sul pavimento... e viene accusato di furto mentre tiene in mano la borsa.

“Quando ho visto queste foto ho pensato subito a mio padre, che mi ha detto: ‘Vedrai, passerà in fretta’. E oggi mi rendo conto che aveva ragione: “È passato molto in fretta”, dice la donna il padre, Jorge Galipeau, era un giornalista prima di diventare diplomatico.

Chiamata alla Terra

Fin dai suoi inizi, Céline Galipeau ha lavorato come corrispondente per Radio-Canada a Londra, Parigi, poi Mosca e infine Pechino. Ha coperto quasi tutti i principali conflitti degli ultimi decenni, dal Kosovo alla Cecenia, compreso l’Afghanistan. Poi è venuta a Montreal all’inizio degli anni 2000 per esibirsi le notizie, Prima nei fine settimana, poi nei giorni feriali a partire dal 2009.

Non è mai uscita dal campo. Céline Galipeau sente l’urgente bisogno di ritornarvi di tanto in tanto. Recentemente si è occupata anche di notizie in Ucraina e Gerusalemme.

“Penso che una delle maggiori minacce per il giornalismo sia l’abbandono di questo campo”, si preoccupa. “Oggi, soprattutto dallo scoppio della pandemia, è diventato più semplice intervistare gli esperti tramite video. Ma non dovrebbe sostituire la terra. Essere lì porta sfumature. Quando seguiamo un conflitto da lontano, ci formiamo la nostra idea di come sia la situazione sul campo. Ma quando parliamo con le persone sul campo, ci rendiamo conto che non tutto è bianco o nero. La realtà è spesso grigia. »

Questa chiamata dal campo la spingeva spesso a fare sacrifici. In più occasioni, quando ha dovuto partire per lunghi periodi in zone di guerra, si è sentita trascurata nel suo ruolo di madre.

“Ero combattuta. Piangevo ogni volta che partivo per un viaggio e partivo spesso. Mi sentivo in colpa per non essere stata presente per mio figlio. Fortunatamente avevo una compagna eccezionale che era lì quando sono partita”, ammette Céline Galipeau, che di solito è riservata sulla sua vita privata.

READ  Aereo Osprey precipita al largo delle coste del Giappone: si presume morti otto soldati americani

Ascoltandola parlare della sua famiglia e dei suoi nipoti, scopriamo di più sulla donna dietro l’ancora. Ci rendiamo allora conto che sappiamo molto poco di quella donna che tuttavia ha fatto parte della vita quotidiana di centinaia di migliaia di quebecchesi ogni sera per 15 anni.

Da vedere in video

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *