Birmania | I manifestanti denunciano la “dittatura militare”

(Yangon) Diverse migliaia di birmani hanno protestato a Yangon sabato, formando il più grande raduno dal colpo di stato contro Aung San Suu Kyi, nonostante la censura di Internet e gli arresti in corso.




France Media

L’ultimo arresto finora è stato l’arresto del consigliere economico dell’ex leader australiano Sean Tornell, 75 anni, arrestato sabato nel suo hotel.

Il professore della Macquarie University in Australia ha detto alla BBC: “Sono attualmente in custodia e potrei essere accusato di qualcosa”.

Questo è il primo arresto noto di un cittadino straniero dopo il colpo di stato.

A Yangon, migliaia di persone, molti dei quali giovani, hanno camminato vicino a un’università della capitale economica, indossando maschere, sciarpe e braccialetti rossi con i colori del partito della Lega Nazionale per la Democrazia, il Partito Ong. San Suu Kyi è stato arrestato lunedì.

I manifestanti gridavano: “Abbasso la dittatura militare”, sventolando le bandiere della Lega nazionale per la democrazia e esultando con tre dita, un gesto di resistenza preso in prestito dai film americani. giochi della fame.

Correttore fotografico, Reuters

Non c’è stato alcun confronto con la polizia schierata in gran numero. Le proteste si sono concluse dopo il tramonto, poiché i manifestanti hanno giurato di tornare in piazza domenica.

E a Mandalay (centro), circa 2.000 persone hanno manifestato, secondo i giornalisti dell’Afp, immediatamente.

Brillantezza fotografica, stampa associata

Raduno di avvocati laureati alla Yadanabon University, Mandalay, Myanmar.

Primo contatto con le Nazioni Unite

Le proteste arrivano mentre la censura continua e il paese sta assistendo a importanti interruzioni di Internet in tutto il paese, secondo l’organizzazione di controllo NetBlocks.

READ  Italy faces a political crisis amid a pandemic

Il gruppo norvegese di telecomunicazioni Telenor ha affermato che le autorità avevano ordinato “temporaneamente” di impedire l’accesso ai dati dei telefoni cellulari, “citando la circolazione di informazioni false e i rischi per la stabilità del Paese”.

Anche l’accesso a Facebook, il principale strumento di comunicazione per milioni di birmani, Twitter e Instagram, è severamente limitato.

L’obiettivo: cercare di mettere a tacere la protesta, così presente sui social network che gli hashtag # WeNeedDemocracy, #HeartheVoiceofMyanmar e #Freedomfromfear sono stati utilizzati milioni di volte.

I birmani si trovano “in uno stato di assoluta incertezza”, secondo Ming Yue-huh di Amnesty International.

Questi eventi rimangono al centro dell’agenda internazionale e l’inviato speciale delle Nazioni Unite in Birmania, Christine Schraner Burgener, ha avuto i primi contatti con i militari.

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha affermato di “esprimere chiaramente la nostra posizione”: la fine del colpo di stato e il rilascio dei detenuti.

Venerdì si è tenuto un incontro online tra le autorità birmane e un certo numero di diplomatici e ambasciate straniere, secondo il quotidiano. Permani World New LightDi proprietà statale.

“Il governo comprende le preoccupazioni della comunità internazionale”, ha detto il ministro della Cooperazione internazionale Koo Ku Hlaing, citato dal giornale durante l’incontro.

“Scaccia i demoni”

Nonostante il timore di rappresaglie, in un paese abituato a una sanguinosa repressione come nel 1988 e nel 2007, venerdì centinaia di insegnanti e studenti hanno manifestato a Yangon e la sera i cittadini hanno di nuovo sbattuto pentole e padelle. “Scaccia i demoni”, l’esercito.

Per giustificare la sua ammissione alla forza, il capo dell’esercito, Min Aung Hlaing, che ora concentra la maggior parte dei poteri, ha denunciato una “massiccia” frode nelle elezioni legislative di novembre, che l’NDP ha vinto in gran numero.

READ  Colorado | Tre giovani arrestati dopo un incendio doloso hanno ucciso cinque senegalesi

In effetti, i generali avevano paura di vedere diminuire la loro influenza dopo la vittoria di Aung San Suu Kyi, che avrebbe voluto modificare la costituzione, che è molto favorevole ai militari, dicono gli analisti.

FOTO CHARLY TRIBALLEAU, agenzia di stampa francese

Il 6 febbraio si è tenuta una manifestazione per chiedere il rilascio del leader Aung San Suu Kyi a Tokyo.

Secondo questi esperti, la sua ambizione politica è stata estromessa da Min Aung Hling, che era stata evitata all’estero a causa delle violazioni dei Rohingya da parte dell’esercito e prossima al ritiro, per ambizione politica.

Aung San Suu Kyi, recentemente criticata dalla comunità internazionale per la sua passività nella crisi dei Rohingya, resta amata nel suo Paese.

È stata accusata di aver violato una vaga regola commerciale, che è “agli arresti domiciliari” nella capitale, Naypyidaw, “in buona salute”, secondo un portavoce della Lega nazionale per la democrazia.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *